Categorie
Arte e Cultura

Parma 2020 – 20 motivi per visitarla

Parma 2020 è il grande cartellone che la città farnesiana mette in programma per il suo anno da Capitale Italiana della Cultura.

Cultura che si respira nelle strade, nei musei, nei teatri, nelle biblioteche ma anche nelle scuole e nelle case dei parmigiani, che hanno deciso, numerosi, di diventare ambasciatori della loro città per questo grande evento.

Caso mai ce ne fosse bisogno ecco 20 ragioni per amare e andare a visitare Parma.

  1. Il complesso della Pilotta e il Teatro Farnese
  2. Il Teatro Regio
  3. I tipi di Giambattista Bodoni
  4. L’Abbazia di Valserena
  5. La Scapiliata di Leonardo da Vinci
  6. Il Correggio e il Parmigianino
  7. Il Duomo e il Battistero
  8. La Reggia di Colorno e la scuola ALMA
  9. Giuseppe Verdi e Busseto
  10. Il Prosciutto di Parma DOP
  11. La Crociera dell’ospedale Vecchio
  12. La cucina parmigiana
  13. Il Parmigiano Reggiano DOp
  14. I Castelli del Ducato di Parma e Piacenza
  15. Bernardo Bertolucci
  16. Giovannino Guareschi
  17. Il Parco Ducale e Palazzo del Giardino
  18. Arturo Toscanini
  19. Il Culatello di zibello
  20. Il Parco Nazionale Appennino MAB – Unesco
Categorie
A spasso per l’Emilia-Romagna

Presepi e mercatini di Natale in Emilia Romagna

A dicembre l’Immacolata ci ricorda che è tempo di Presepi mentre Santa Lucia porta con sé le mille luci dei mercatini di Natale.
Dopo la nostra selezione alternativa dei migliori mercatini natalizi vintage & handmade passiamo a raccontarvi la tradizione, tutta da vivere, #InEmiliaRomagna.

Mercatini di Natale tutti da scoprire, in città d’arte e borghi dalla pianura alla montagna.
Presepi (anche viventi) dalle più stravaganti fogge: di pane, di sale, di sabbia, nelle solfatare o nei castelli.

Da Nord a Sud, ecco la nostra speciale selezione* di presepi e mercatini #InEmiliaRomagna: sarà un tour intenso ma ricco di soddisfazioni, pronti a vivere l’atmosfera del Natale #InEmiliaRomagna?

Presepi #InEmiliaRomagna

Suggestive rappresentazioni della Natività, tra storia, cultura locale e antichi mestieri.

Nel piacentino il 24 dicembre si può assistere al Presepe vivente nel parco del Castello di Rivalta mentre dal 2 dicembre al 7 gennaio va in scena La Magia del Presepe di Sabbia (del Po) una tradizione tipica della Riviera Romagnola che arriva a Piacenza con i migliori scultori internazionali.

Nell’appennino parmense segnaliamo Bazzano paese dei presepi (9 dic/ 7 gen) dove ammirare più di 200 presepi realizzati con i materiali del territorio, nei giardini e nei fienili, particolarmente suggestivi al calar delle sera.

Tanti i presepi che animano il territorio reggiano: da quello di Gazzano ubicato nel Museo dei Presepi (dove se no?) al Sentiero di Presepi di Quattro Castella (10 dic/14 gen) e alla Via dei Presepi di Ciano d’Enza (10 dic/7 gen) con natività tradizionali ma anche curiose realizzate con materiale di recupero.
Per chi è appassionato di presepi viventi segnaliamo, nella suggestiva cornice del Castello di Carpineti, C’è posto per la notte?  previsto domenica 17 dicembre.

A Fiumalbo, nel modenese, il 24 dicembre e il 6 gennaio si ripete lo spettacolo del Presepe Vivente che trasforma per qualche ora il borgo in una Betlemme d’appennino.

Nel bolognese le nostre segnalazioni vanno a Terra di Presepi (24 dic/6 gen) a Castel D’Aiano, Villa d’Aiano e nel Parco delle Grotte di San Cristoforo e al Presepe vivente a Pietracolora, frazione di Gaggio Montano, del 24 dicembre e 6 gennaio, animato dalla comunità locale.

Due segnalazioni nelle valli ferraresi: le suggestive natività di Comacchio (8 dic/31 gen) che propongono Presepi sotto i ponti realizzati nei pressi del Ponte Trepponti tra i canali e sulle barche e Argenta città dei Presepi lungo le strade del centro storico.

Per Cervia Emozioni di Natale (8 dic/7 gen) tanti presepi curiosi: da quello meccanico a quello dei salinari, dal suggestivo presepe galleggiante alle grandi sculture di sabbia che ripropongono famose opere d’arte sulla Natività.
Mentre sulle colline ravennati, dal 17 dicembre al 28 gennaio, si può visitare a Casola Val Senio il Presepe meccanico nell’Abbazia di Valsenio e quello Monumentale allestito all’aperto,  Il Presepe della costa a Riolo Terme, in miniatura e con scene in movimento, tutti visitabili e il Presepe vivente di Brisighella (26 dic).

Tanti i presepi da visitare nel forlivese: dal galleggiante Presepe della Marineria sul porto Canale di Cesenatico (3 dic/14 gen) alla magia e l’incanto di Longiano dei Presepi (8 dic/14 gen), dal grandioso Presepe meccanico nella Galleria ex Pescheria di Cesena (3 dic/14 gen) al grande Presepe animato meccanico nel Foro Boario di Gambettola (9 dic/7 gen). Mentre Portico di Romagna diventa il Paese dei presepi (8 dic/ 13 gen) con ogni angolo del borgo allestito con le più differenti natività. E poi a Terra del Sole la 30° rassegna dei Presepi (24 dic/7 gen), ad Acquapartita il Presepe Vivente (8 dic) e a Predappio non uno ma ben tre presepi: quello artistico in legno, quello tradizionale e quello meccanico nella Grotta della Solfatara.

Sul litorale Presepi di sabbia (7 dic/21 gen) ispirati alla tradizione settecentesca napoletana a Rimini, a Bellaria Igea Marina e a Torre Pedrera mentre a Misano Adriatico si va a Spasso tra i Presepi (8 dic/8 gen) per ammirare presepi artistici in vetrina. Nell’entroterra Il grande presepe sulla rupe (8 dic/6 gen) di Pennabilli e l’originale Presepe di Pane di Torriana (8 dic/28 gen).

[cta url=”http://www.emiliaromagnaturismo.it/it/eventi/i-presepi-di-natale-2017″ txt=”Scopri tutti i presepi #InEmiliaRomagna”] 

[slider]

Mercatini di Natale #InEmiliaRomagna

Dove scegliere i regali più belli  per parenti e amici, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Sui colli piacentini si può decidere di visitare quello nel borgo neomedievale di Grazzano Visconti nelle giornate del 3/8/9/10/16/17/23 e 24 dicembre o fare un salto in città per la Fiera di Natale con i Mercatini Natalizi Farnesiani (1/24 dic).

A Parma l’invito è quello di visitare Come una volta: il Gran mercato dei sapori e delle antiche tradizioni (14/23 dic) per ritrovare le tradizioni e il gusto del territorio per il pranzo di Natale.

Nel reggiano si inizia l’8 dicembre a Cavriago, per proseguire il 10 a Gazzano e Viano terminando il 17 a Castellarano. In tutti casi potrete trovare artigianato natalizio e specialità gastronomiche del territorio

Nel cuore del centro storico di Bologna si va in cerca di Regali a Palazzo (7/10 dic) dopo aver visitato l’Antica Fiera di Santa Lucia sotto il portico dei Servi, la Fiera del Natale di Via Altabella e il Villaggio di Natale francese in Piazza Minghetti. Possibilità di shopping a Casalecchio di Reno nelle giornate del 1/3/7/8/9/10/15/16 e 17 dicembre e a Savigno il 16 e 17 dicembre per Natale fatto a mano.

Fino al 7 gennaio al Fideurum Christmas Village di Ferrara sarà possibile invece vedere artigiani all’opera con originali creazioni in vetro, ceramica, pelle, metallo, decorazioni natalizie e prodotti tipici dell’enogastronomia tra cui scegliere il dono più adatto.

Nel ravennate due proposte: Mercatini gourmet (2 dic/7 gen) in riva al mare a Cervia e Milano Marittima e Temporary shop di Natale delle ceramiche faentine (2/24 dicembre) per scovare regali raffinati e cool nella piccola città d’arte sulla Via Emilia.

Nel forlivese per la ricerca di strenne suggeriamo il Mercatino dei creativi di Cesenatico tutte le domeniche fino al 7 gennaio e i Mercatini di Natale di Cesena (10/17/24 dicembre) e Bagno di Romagna (1 dic/7 gen). Per regali gustosi da visitare il Mercatino con prodotti artigianali, tipici, cioccolato e delizie di Natale a Sogliano al Rubicone (20-30 dic).

A Rimini i Mercatini di Natale vi aspettano nel centro storico della città malatestiana (2 dic/6 gen), mentre l’entroterra vi aspetta con originali idee regalo, decori e musiche tradizionali natalizie, a Sant’Agata Feltria con Il paese del Natale (3-8-10-17 dicembre) e a San Giovanni in Marignano per l’Antica fiera di Santa Lucia e mercatini di Natale (10/13/17 dicembre).

[cta url=”http://www.emiliaromagnaturismo.it/it/eventi/mercatini-di-natale-2017″ txt=”Scopri tutti i mercatini di Natale #InEmiliaRomagna”]

Vivi l’atmosfera del Natale #InEmiliaRomagna.

 

*in collaborazione con le Destinazioni Turistiche Emilia, Bologna e Romagna.

Categorie
La Riviera

Parchi divertimento in Emilia Romagna: aperti per le feste

Molti aspettano le feste natalizie tutto l’anno, altri non vedono l’ora che finiscano il primo possibile.
Che voi siate tra gli amanti delle tradizioni e dei classici pranzi in famiglia o tra gli alternativi in cerca di cose da fare per evitarli sappiate che queste feste saranno divertenti #InEmiliaRomagna.

Attrazione adrenaliche (anche per i più piccoli) e parchi faunistici vi aspettano.

Ecco i parchi divertimento #InEmiliaRomagna aperti per le feste, dove festeggiare – divertendosi – da oggi fino al 6 gennaio!

 

MIRABILANDIA – Savio (RA)

Vivi tutto l’incanto dello spirito del Natale!

Luminarie e scenografie uniche per il parco addobbato a festa e pronto ad accoglierti tra luccicanti e colorate decorazioni. Oltre a provare le sue attrazioni più famose, dal Katun allo iSpeed, si potrà assistere a tanti show natalizi a tema ed entrare ne La Terra delle nevi eterne, una fiaba da vivere ad occhi aperti per i più piccoli, pista di ghiaccio compresa! Senza perdere l’occasione di provare la Escape Room tematizzata: potrai immergiti nel mondo di Remi e supera le prove di abilità per accompagnarlo nel suo viaggio…
Da non perdere inoltre la visita alla Casa di Babbo Natale, tra elfi, letterine e pile di doni.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio

Possibilità di biglietti combinati Parco + Hotel

FIABILANDIA – Rimini (RN) 

La magia del Natale, per grandi e piccini. 

Fiabilandia è di per sé un luogo magico dove il mondo delle favole e quello reale si incontrano, figuriamoci nel periodo più magico dell’anno. BorgoMagico, CastoriaCapitan Nemo Adventure, il magico Castello di Mago Merlino e la Valle degli Gnomi  sono pronti ad essere “invasi” dai più piccoli. Tutta da esplorare l’Europa in Miniatura, il percorso pedonale da cui osservare i principali monumenti europei, mentre non si possono perdere gli spettacoli Movie ShowLa Piccola Sirena e Il Bambino di Legno che emozioneranno anche i più grandi. Apertura fino a tarda notte il 31 dicembre per uno “scintillante” Capodanno.

Aperto: dal 29 dicembre al 1 gennaio

Biglietti speciale apertura invernale

 

rimini-fiabilandia-natale-2018

ITALIA IN MINIATURA – Rimini (RN) 

Il Belpaese del Natale

Nel parco miniature più longevo e famoso d’Italia si accendono le piazze italiane, addobbate di luce e 5000 alberi di Natale “mignon” che illuminano i pomeriggi delle feste.
Avventurarsi tra le miniature che riproducono monumenti, chiese e palazzi, sarà ancora più suggestivo tra luci e musiche natalizie in un gioco di prospettive e tematizzazioni a sorpresa con pacchi, biglietti d’auguri e cartoline speciali. Si potrà scegliere se salire bordo della Monorotaia Arcobaleno o navigare in una Venezia in scala 1:5, attraversare in trenino la fiaba di Pinocchio sfogliando i capitoli in 3D del libro, sperimentare le leggi della fisica al Luna Park della Scienza, dominare il mondo dalla Torre Panoramica o tuffarsi fra le palline colorate di PlayMart per i più piccoli o fra gli effetti speciali dell’adrenalinico CineMagia7D.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 7 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Acquario di Cattolica, Aquafan e Oltremare

rimini, italia-in-miniatura-natale-2018

OLTREMARE – Riccione (RN)

La laguna di Babbo Natale

Anche ad Oltremare c’è aria di festa sotto l’albero di Natale alto 5 metri in attesa del Christmas Show. In programma all’Oltremare Theatre un ricco calendario di film d’animazione senza tralasciare approfondimenti con gli esperti, visite guidate a Darwin, Pianeta Mare e Laguna dei delfini che come d’incanto si trasformerà nel Paese del Natale. Da non perdere gli appuntamenti con Delfini – lo Spettacolo della Natura, il Volo dei Rapaci, l’Area Australia Experience e la Fattoria. Previsti anche laboratori creativi per i bimbi nella bottega di Babbo Natale. Se siete ancora alla ricerca del regalo giusto date un’occhiata ai programmi interattivi: “Addestratore per un giorno”, “Incontra il delfino”, “Falconiere per un giorno” “Incontra i rapaci” e “Incontra il tuo cane”.

Aperto: 8-9 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Acquario di Cattolica, Aquafan e Italia in miniatura

Riccione_OLTREMARE_Natale-2018

ACQUARIO DI CATTOLICA – Cattolica (RN) 

La magia dei presepi sommersi

Nel più grande Acquario dell’Adriatico arrivano dei nuovi ospiti nelle 100 vasche dove già nuotano pesci multicolori pesci multicolori, attinie e stelle marine: si tratta dei personaggi del Presepe.
Tanti Presepi sott’acqua pronti per essere ammirati: un’affascinante galleria d’arte di originali Natività in terracotta, vetro soffiato e ceramica, materiali atossici e sostenibili, che ogni anno si arricchisce di contributi da parte di artisti e scultori da tutta Italia. Dopo aver visitato i 4 percorsi poi laboratori creativi per i più piccoli nella bottega di Babbo Natale tante le novità per queste feste: potrai partecipare agli “Incontri straordinari” dietro le quinte fra i segreti del rettilario o fare due chiacchiere con un sub in immersione.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Aquafan, Italia in miniatura e Oltremare

Cattolica, rimini, acquario di cattolica_presepi

 

Possibilità di offerta combinata 3 Parchi (Acquario di Cattolica, Italia in miniatura e Oltremare) + hotel

 

Parchi divertimento #InEmiliaRomagna, che la festa abbia inizio!

*ingresso gratuito per tutti i bimbi (accompagnati da due adulti paganti tariffa intera alle casse) alti fino a 140 cm che portano una pallina di Natale.

[cta url=”http://www.rivieradeiparchi.it/” txt=”Tutte le informazioni sui Parchi divertimento #InEmiliaRomagna”]

Categorie
Arte e Cultura

Dicembre – le mostre in Emilia Romagna

Con l’arrivo di dicembre è tempo di fare bilanci: se tra le cose che ci siamo prefissate a gennaio c’era anche dedicare più tempo alla cultura proviamo a farlo anche l’ultimo mese dell’anno.

Tra le mostre che volgono al termine ce ne sono due nel parmense che riguardano la Pop art e una nel forlivese dedicata alle maioliche del Cinquecento. A metà dicembre invece prende il via la  mostra evento dedicata ad Annibale, il condottiero che sconfisse i romani in ben 4 battaglie (compresa quella sul Trebbia), vicino Piacenza.

Tra una cioccolata calda e l’altra, non perdere l’occasione di visitare, a pochi passi da casa, una delle mostre che stanno inaugurando o che volgono al termine in Emilia Romagna a dicembre: ecco per te la nostra selezione.

 

Mostre #InEmiliaRomagna che terminano a dicembre

Fino al 9 dicembre

Mamiano di Traversetolo (PR) ROY LICHTENSTEIN E LA POP ART AMERICANA: retrospettiva dedicata a Roy Lichtenstein, genio della Pop Art americana insieme a Warhol, che ancora oggi influenza grafici, designer, pubblicitari ed altri artisti contemporanei.

Mamiano di Traversetolo (PR) CLEOPATRA E MARILYN. Icone immortali: confronto tra la Marilyn di Andy Warhol e la Cleopatra di Arnold Böcklin: due donne fatali, appartenenti a epoche differenti che non ebbero eguali per fascino e bellezza che amarono uomini potenti e divennero simboli del loro tempo.

Fino al  10 dicembre

Castrocaro Terme (FC) MAIOLICHE DEL CINQUECENTO TRA ROMAGNA E TOSCANA: in mostra boccali cinquecenteschi in maiolica delle manifatture romagnole e toscane del secolo XVI, il cui stile si distinse per la grande qualità delle maioliche, caratterizzata da stili particolarmente raffinati e costosi in voga tra le classi abbienti di quell’epoca.

Roy-Lichtenstein-Crying-Girl-1963--Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018

Mostre #InEmiliaRomagna che iniziano a dicembre

 

Dal 7 dicembre

Bologna – STURMTRUPPEN. 50 anni: l’esercito di fumetti più famoso al mondo, le Sturmtruppen, compiono 50 anni. Oltre 250 opere originali in gran parte inedite. Non solo un cartoonist, ma un artista completo artista che ha profondamente influenzato la cultura pop italiana novecentesca.

Bologna-50-anni-sturmtruppen-Bonvi

Dal 14 dicembre

Modena – GALLERIA METALLICA. Ritratti e imprese dal medagliere estense: il medagliere famoso in tutta Europa, tra i più ricchi e importanti d’Italia, svela segreti e aneddoti di un’arte antica quasi quanto l’uomo.

modena_galleria_estense

Dal 15 dicembre

Modena – IO SONO POESIA: un’ampia selezione di opere offre uno spaccato inedito del clima artistico e culturale che ha caratterizzato Modena e Reggio Emilia in una stagione cruciale della nostra storia contemporanea.

modena_musei-civici-io-sono-poesia

Dal 16 dicembre

Piacenza – ANNIBALE UN MITO MEDITERRANEO: dedicata ad Annibale ricorda la battaglia presso il fiume Trebbia dove sconfisse l’imponente esercito romano nel 218 a.C. nello stesso anno in cui fu fondata Piacenza, di cui si celebrano i 2200 anni di fondazione.

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#piacenza” txt=”Tutte le mostre 2018 a Piacenza e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#parma” txt=”Tutte le mostre 2018 a Parma e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#reggioemilia” txt=”Tutte le mostre 2018 a Reggio Emilia e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#modena” txt=”Tutte le mostre 2018 a Modena e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#bologna” txt=”Tutte le mostre 2018 a Bologna e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#ferrara” txt=”Tutte le mostre 2018 a Ferrara e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#ravenna” txt=”Tutte le mostre 2018 a Ravenna e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#forli” txt=”Tutte le mostre 2018 a Forlì e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#rimini” txt=”Tutte le mostre 2018 a Rimini e provincia “]

 

Categorie
Music Valley

2020 – Le Opere di Verdi in Emilia Romagna

Categorie
Terme

Neve e terme – Benessere a bordo pista

Preparati ad indossare tute, guanti e scarponi, ma non dimenticare il costume 😉

Quando arriva l’inverno i più sportivi rispolverano l’attrezzatura e si preparano a scendere in pista ma in Emilia Romagna al divertimento della neve, puoi abbinare il relax delle terme.

Delle tante località sciistiche, con un totale di oltre 300 km di piste, 3 hanno un asso nella manica per completare la giornata in relax. Si tratta delle stazioni sciistiche che hanno località termali nel raggio di 30 km.

Ecco per te, campione di slalom o appassionato di ciaspole, qualche idea per un break sulla neve con benessere termale. E se vuoi sperimentare lo sport sulla neve per la prima volta, non preoccuparti tutte le stazioni hanno scuole di sci e noleggi di attrezzature.

[slider]

Stazioni sciistiche

Stazione Sciistica Corno alle Scale (BO)

Non lontano da Bologna e Firenze ti aspetta lo splendido anfiteatro naturale che ha visto muovere i primi passi del campione internazionale Alberto Tomba, a cui sono dedicate ben 2 piste.

36 km di piste da discesa e 2 piste ad anello per il fondo. Baby park per i più piccoli e uno Snowpark per i più temerari.

Stazione Sciistica Campigna – Santa Sofia (FC)

Nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, facilmente raggiungibile dalla pianura romagnola e dal versante toscano, da questa stazione potrai godere di panorami mozzafiato su Sasso Fratino, una delle foreste più antiche d’Italia e patrimonio Unesco.

Piste per sci nordico e di fondo, conta anche un Baby park, una pista bob e percorsi per snowboard ed escursionismo.

Stazione Sciistica Fumaiolo – Balze (FC)

Nell’Alta Val di Savio, al confine tra Romagna e Toscana, potrai dedicarti alla tua passione alle falde del Monte Fumaiolo, sorgente del Tevere con uno straordinario panorama che va dal monte Amiata ai monti Sibillini e Gran Sasso.

Indossa scarponi e sci e via, le piste da sci (alpino e fondo) e snowboard ti aspettano senza necessità di prendere un impianto. Fumipark per chi ama divertirsi con lo snowboard e possibilità di ciaspole (anche in notturna).


Neve e Terme

Terme di Porretta – Corno alle Scale

La leggenda vuole che la loro fama derivi da un bue ammalato, oggi simbolo della località termale, che guarì poco dopo essersi abbeverato alla fonte termale. Goditi le cure naturali delle acque termali ultra millenarie, nel cuore dell’Appennino e prova uno dei tanti programmi benessere, trattamenti estetici o ayurvedici.

Centro benessere aperto con orario continuato.

Hotel delle Terme Santa Agnese – Campigna-Santa Sofia e Fumaiolo-Balze

Qui viene utilizzata la sorgente termale, già conosciuta ai tempi dei romani, dove il Granduca di Toscana Leopoldo II “fece pubblici e comodi questi bagni”. Spendi il tuo tempo post pista provando uno dei tanti trattamenti a disposizione: massaggi energizzanti al cioccolato o rilassanti al miele, antistress con oli essenziali e il percorso benessere naturale o sportivo.

Struttura con apertura stagionale (chiudono il 6 gennaio).

Ròseo Euroterme Wellness Resort – Campigna-Santa Sofia e Fumaiolo-Balze

L’inverno è la stagione perfetta per apprezzare la sua acqua termale ipertermale (temperatura alla sorgente superiore a 45°) anche nella sua piscina scoperta con cascate. Per il relax al termine delle attività prova uno dei massaggi tra shiatsu rilassante in acqua termale o bio thai sport active per benefici effetti decontratturanti.

Piscina e SPA aperte con orario continuato fino a dopo cena tutti i giorni.

Grand Hotel Terme Roseo  – Campigna-Santa Sofia e Fumaiolo-Balze

Coccolati nello splendore dell’ antico e nobile palazzo dei conti Biozzi con la possibilità di riservare in esclusiva la piscina termale con idromassaggi.

Tanti i trattamenti da provare a fine giornata: massaggi all’olio di vinaccioli o aromatico rilassante, ayurveda per tensioni muscolari e i profumati rituali Lomi Flowers o quelli naturali ai fanghi.

Piscina aperta fino a dopo cena alcuni giorni (venerdì e sabato) e SPA con orario continuato fino all’ora di cena tutti i giorni.

[cta url=”https://www.emiliaromagnawelcome.com/?utm_source=travelemiliaromagna&utm_medium=post&utm_campaign=neve-terme” txt=”Prenota il tuo albergo per il weekend Neve&Benessere “]

Categorie
Food Valley

Andar per sagre in Emilia Romagna: è tempo di olio, tartufo e fossa

A novembre le giornate si accorciano, la nebbia sale e tutto invita a non uscire di casa… ma è anche il momento giusto per andar, su per i colli colorati dei caldi colori d’autunno, per sagre di quei prodotti propri di questo periodo.
Ecco perché abbiamo deciso di segnalarti tutte le sagre in Emilia Romagna al profumo di olio, tartufo e formaggio di fossa…

Sagre in Emilia Romagna al profumo di formaggio di fossa

Secondo la leggenda, le origini del formaggio di fossa risalgono alla metà del 1400, periodo in cui  i contadini della zona per difendersi dai saccheggi, presero l’abitudine di nascondere le provviste nelle fosse scavate nella roccia arenaria.

Formaggio di Fossa di Mondaino ph Paritani arch. Prov. Rimini
Formaggio di Fossa, ph. Paritani – arch. Prov. Rimini

Fiera del Formaggio di Fossa – Talamello (RN)

17 e 18 novembre
Se deciderai di partecipare all’evento potrai osservare le fosse e rimanere stupito dal colore ambrato delle arenarie che per mesi hanno conservato quel “prezioso segreto” che Tonino Guerra  definì “ambra di Talamello”. Tanti i momenti di festa previsti, dall’aperitivo in musica alle miniguide degli studenti con tutto il paese in festa per questa sempre più importante manifestazione.

Fiera del Formaggio di Fossa – Sogliano al Rubicone (FC)

18 e 25 novembre e 2 dicembre
L’evento in cui gustare il formaggio con il sapore che va dal dolce al piccante o all’amarognolo a seconda del latte usato e delle fosse stesse è articolato in tre domeniche. A corollario anche tante mostre, spettacoli teatrali, convegni e stand di allevatori e coltivatori locali. Previsti anche momenti ricreativi, attività per bambini e spettacoli musicali.


Sagre in Emilia Romagna al profumo di olio

Anche l’Emilia Romagna ha una tradizione olearia secolare con prodotti di qualità come il Brisighello DOP.

brisighella, ravenna Olio d'oliva di Brisighella ph. Giorgio Salvatori
Olio d’oliva di Brisighella, ph. Giorgio Salvatori

Fiera dell’oliva e dei prodotti autunnali – Coriano (RN)

18 e 25 novembre
Una mostra mercato di prodotti agro-silvo-pastorali con degustazioni olearie e vinicole, stand gastronomici tipici. A completamento artigianato tipico, mostre sulla civiltà contadina romagnola, dibattiti e conferenze e musica e intrattenimento.

Sagra dell’ulivo e dell’olio – Brisighella (RA)

25 novembre
Giunto alla 59° edizione nasce per celebrare la coltivazione dell’ulivo, che in terra brisighellese risale a tempi antichissimi visto che già in epoca romana l’ulivo era conosciuto, apprezzato e valorizzato. Protagonista il ricercato olio extravergine, il “Brisighello”, olio con denominazione d’origine protetta D.O.P. e il raffinato “Nobil Drupa” che durante l’evento può essere acquistato, fresco di molitura.


Sagre in Emilia Romagna al profumo di tartufo

Bianco, nero o pregiato, sua maestà il tartufo può essere odorato e gustato come meglio preferisci!

Tartufo-nero-di-Fragno-(Pr)-Ph. A. Samaritani-Meridiana-Immagini
Tartufo nero di Fragno (PR), ph. A. Samaritani -Meridiana Immagini

Festival Internazionale del Tartufo Bianco Pregiato di Savigno e dei Colli Bolognesi – Savigno (BO)

10, 11 , 17 e 18 novembre
Nel weekend le storiche botteghe del Paese e le aziende agricole del territorio mettono in mostra i loro prodotti per richiamare i palati fini di tutt’Italia. Giunto alla 35° edizione il Festival offre una ristorazione di grande qualità che valorizza il re della tavola.

Fiera del Tartufo Nero di Fragno – Calestano (PR)

11 novembre
Nella cornice naturale della Val Baganza si festeggia il Tartufo nero parmense con mercatini, gare di abilità, animazione, visite alle tartufaie e soprattutto con tante possibilità di gustare il prezioso tubero.

Festa del Tartufo – Viano (RE) 

11 novembre
Potrai gustare ed acquistare tanti prodotti gastronomici a base di tartufo, parmigiano e aceto balsamico: ma anche assistere agli antichi mestieri artigianali nei pressi dell’antico mulino di Cadonega, in funzione per l’occasione.

Sagra del Tartufo Bianco – Cusercoli (FC) 

11 e 18 novembre
A novembre ogni anno il borgo medievale si trasforma con tante bancarelle dedicate al tartufo e altri prodotti tipici agroalimentari. Apice della manifestazione la premiazione del tartufaio detentore del tartufo più grosso.

Sagra di Sua Maestà il Tartufo – Brisighella (RA)

18 novembre
Il tartufo, pregiato tubero, il prodotto più ricercato della collina faentina, durante la sagra viene abbinato ai piatti tipici della nostra tradizione preparati da abili chef presso i ristoranti locali. In vendita il “bianco autunnale” che emana un profumo particolarmente intenso e il tartufo “nero”.

Categorie
Arte e Cultura

Novembre – Le mostre in Emilia Romagna

Se la tipica pigrizia autunnale (modalità cioccolata calda sul divano per intenderci) non si è ancora impossessata di te, prova a dare un’occhiata alle mostre che ti proponiamo a novembre in Emilia Romagna. L’idea è perfetta per un break culturale nelle nostre città d’arte, visitando esposizioni che spaziano dal Futurismo alle avanguardie tedesche, dalle culture delle Antiche Americhe fino all’alchimie artistiche di De Buffett e ai supereroi della Marvel.

Non perdere il ritmo di break a pochi passi da casa con una delle mostre che stanno inaugurando o che volgono al termine in Emilia Romagna a novembre: per te la nostra selezione.

Mostre #inEmiliaRomagna che terminano a novembre

Fino al 18 novembre

UNIVERSO FUTURISTA

Città: SAN LAZZARO DI SAVENA (BOLOGNA)
Dove: Fondazione Massimo e Sonia Cirulli – Via Emilia, 275

In mostra l’estetica futurista come inno alla vitalità creativa, alla giocosità e alla fantasia di un’arte che rallegra il mondo ricreandolo integralmente, con opere di Balla, Boccioni, Depero e Marinetti.

bologna, bologna, universo futurista


Mostre #InEmiliaRomagna che iniziano a novembre

Dal 10 novembre

DALL’ESPRESSIONISMO ALLA NUOVA OGGETTIVITÀ. Avanguardie in Germania

Città: PARMA
Dove: Palazzo del Governatore – Piazza Garibaldi

Quaranta opere dei maggiori rappresentanti delle correnti, sviluppatesi in Germania nella prima metà del Novecento dopo la Prima Guerra Mondiale, come la Nuova Oggettività e le diverse forme di Costruttivismo e Razionalismo.

Dal 11 novembre

AZTECHI, MAYA, INCA E LE CULTURE DELL’ANTICA AMERICA

Città: FAENZA
Dove: Museo Internazionale delle Ceramiche – Viale Baccarini, 19

Pezzi straordinari e unici che raccontano la storia delle civiltà dell’America prima dell’arrivo di Cristoforo Colombo. Alla scoperta di una civiltà che la colonizzazione ha soffocato.

Dal 17 novembre

JEAN DUBUFFET. L’ARTE IN GIOCO. Materia e spirito 1943 – 1985

Città: REGGIO NELL’EMILIA
Dove: Palazzo Magnani – Corso Garibaldi, 31

Retrospettiva dedicata al protagonista dell’Informale con quaranta opere in cui l’arte dell’artista-alchimista si estende al reale, rendendo visibile l’invisibile. L’arte divenata un gioco che crea nell’osservatore un senso di meraviglia, stupore e bellezza.

Dal 24 novembre

MOSTRI, UOMINI, DEI

Città: BOLOGNA
Dove: Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna – Via delle Donzelle, 2

Uno sguardo inedito sulla carriera di Jack Kirby – “King of comics” – il grande creatore dei supereroi della Marvel. La mostra pone  l’accento sulla complessità del suo lavoro, mostrando non solo il talento grafico ma anche la grande capacità di trascendere gli stilemi del pop, lasciando un segno indelebile nella nostra cultura (non solo fumettistica).

[slider]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#piacenza” txt=”Tutte le mostre 2018 a Piacenza e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#parma” txt=”Tutte le mostre 2018 a Parma e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#reggioemilia” txt=”Tutte le mostre 2018 a Reggio Emilia e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#modena” txt=”Tutte le mostre 2018 a Modena e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#bologna” txt=”Tutte le mostre 2018 a Bologna e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#ferrara” txt=”Tutte le mostre 2018 a Ferrara e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#ravenna” txt=”Tutte le mostre 2018 a Ravenna e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#forli” txt=”Tutte le mostre 2018 a Forlì e provincia “]

[cta url=”https://www.travelemiliaromagna.it/mostre-2018/#rimini” txt=”Tutte le mostre 2018 a Rimini e provincia “]

Categorie
A spasso per l’Emilia-Romagna

Trekking Urbano #inEmiliaRomagna

Oltre ad Halloween, il 31 ottobre si celebra la Giornata Nazionale del Trekking Urbano, l’iniziativa che ci permette di scoprire gli angoli più sconosciuti e inaccessibili delle nostre città: tema di questa XV edizione “Raccontami come mangi e ti dirò chi sei. Camminando tra cibo, arte e paesaggi.”

Trekking Urbano è una piacevole e salutare attività che unisce al benessere fisico il privilegio di riappropriarsi del tempo, della memoria e dell’identità culturale dei luoghi.
Potrai andare alla scoperta degli angoli più belli e gli scorci più suggestivi dei nostri centri storici a passo di trekking.
Un’avventura per gli ospiti e una scoperta per i cittadini: un trekking per tutti i gusti. Impegnativi per i piedi più allenati e più leggeri per famiglie con bambini.

#InEmiliaRomagna sono 4 le località che aderiscono con tanti percorsi tutti per voi.
Partecipazione gratuita ma con prenotazione obbligatoria.

Per me è stata una piacevole scoperta e, da qualche anno a questo parte, tutte le volte che mi è stato possibile ho partecipato per scoprire tante cose sulla città felsinea che spesso non conoscono neanche i bolognesi purosangue 😉

Scegli il tuo percorso, prenota e prepara le tue scarpe più comode per vivere la città con curiosità al ritmo del tuo passo.


Trekking Urbano a Bologna

Ai g’vol d’la chelma!
Ci vuole calma, ovvero quando il lavoro era “paziente”

Data: 31 ottobre h. 15.20, 2 novembre h. 10.00
Punto di partenza: Piazza della Mercanzia, 4
Durata: ca. 3 h /2 km

Tra le vie del centro storico di Bologna andando alla ricerca dei mirabili manufatti del fabbro e delle tante attività artigianali, scoprendo come prende vita un violino grazie alle abili mani del liutaio e tutti i segreti delle merlettaie bolognesi che danno vita a veri e propri “miracoli”.Lavoro paziente e lento il loro!

Prenotazioni da lunedì 14 ottobre presso Bologna Welcome

Scorci suggestivi, personaggi bizzarri, vecchie tradizioni, ricette improbabili sono gli ingredienti di questa visita gastronomica. Alla scoperta della Bologna delle osterie tra storia, degustazioni e antiche cantine.

Il 31 ottobre sarà possibile scegliere anche altri 3 trekking urbani Vi segnaliamo inoltre che Bologna estende l’evento al 1° e 2 novembre.


Trekking Urbano a Comacchio

 Luoghi di storia, arte e cibo nella ‘piccola Venezia delle Valli

Data: 31 ottobre h. 18.30
Punto di partenza: Cortile di Palazzo Bellini
Durata: ca. 1 h 30 min/4,5 km
Prenotazioni presso Comacchio Slowfest

Comacchio
Ph. Vanni Lazzari

A passeggio con i bastoncini nella “piccola Venezia delle Valli”: un inconsueto e curioso ‘urban walking’ fra ponti e vicoli di Comacchio ed i tanti suggestivi luoghi di storia, arte e cibo che caratterizzano la ‘capitale dell’anguilla’.
L’itinerario si conclude con un aperitivo con vini doc ‘delle sabbie’ del Bosco Eliceo e stuzzicherie locali dopo aver visitato i Trepponti, la Vecchia Pescheria, il Museo del Delta Antico, il Duomo di San Cassiano, la Torre Campanaria e la Manifattura dei Marinati, storica e ancora attiva fabbrica-museo per la lavorazione dell’anguilla.


Trekking Urbano a Correggio

1509. Veronica Gambara e Giberto da Correggio sposi: il banchetto a Palazzo

Data: 31 ottobre h. 21.00
Punto di partenza: Correggio Art Home
Durata: ca. 1 h 30 min/1,5 km
Prenotazioni presso Informaturismo

TrekkingUrbano
Ph. Federico Aili

Nell’ottobre del 1509 Veronica Gambara sposò per procura al conte Giberto da Correggio dove venne accolta da tutta la corte e da Antonio Allegri. L’itinerario, per le vie del centro storico, prevede voci narranti in costume che illustreranno i passaggi cruciali della storia, soprattutto, il conviviale offerto in occasione del suo definitivo insediamento nella contea.
Prevista anche l’illustrazione degli usi, tradizioni e consuetudini gastronomiche locali del tempo nonché le principali figure che ruotavano attorno alla cucina e alla gestione del banchetto.


Trekking Urbano a Forlì

Lo scarafo nella brodazza: a spasso per la città alla scoperta di cibi, gusti e disgusti delle varie epoche forlivesi

Data: 31 ottobre – 3 partenze  alle 14.15/14.45/15.15
Punto di partenza: Piazza Saffi
Durata: ca. 2 h 30 minuti/ 3 km
Prenotazioni fino alle 13.00 di giovedì 25 ottobre presso IAT Forlì

forli-forli-cesena-trekking-urbano-2018

Viaggio nel tempo tra abitudini e eccessi culinari di Forlì. Alla scoperta delle tante tracce dei cibi, che richiamano piccole e grandi storie, aneddoti che vanno dal Medioevo ai giorni nostri e che delineano un percorso parallelo agli episodi più significativi della storia cittadina.
Si parte dalla piazza, sede di un mercato plurisecolare e si procede con suggestioni e memorie legate al cibo da un secolo all’altro, sottolineando le affinità tra le tradizioni del passato più remoto e quello di un passato più prossimo, o addirittura quelle che caratterizzano il nostro presente.


Trekking Urbano a Salsomaggiore Terme

La fabbrica del sale

Data: 31 ottobre h.10.00
Punto di partenza: Terme Berzieri (pozzo Scotti)
Durata: ca. 2 h/ 3 km
Prenotazioni presso IAT Salsomaggiore Terme

Piazza Berzieri Salsomaggiore Terme
Terme di Salsomaggiore Terme, ph. @giorgia_chloe_nesli_orsi

Milioni di anni fa il mare copriva la Pianura Padana e il territorio di Salsomaggiore ne conserva nel sottosuolo un inestimabile tesoro: il sale. Il viaggio nella storia del sale di Salsomaggiore inizia da piazza Berzieri già luogo delle Regie Saline della fabbrica del sale di epoca ottocentesca.
La passeggiata continua lungo le vie del centro cittadino per raccontare la Salsomaggiore di oggi, che si è trasformata grazie al sale e alle sue acque. Al termine rinfresco a base delle produzioni De.C.O. “Denominazione Comunale di Origine”della città termale, sale compreso.


E non dimenticare di raccontare il tuo Trekking Urbano…

Per farlo sarà sufficiente scattare una foto e postarla con l’hashtag #trekkingurbano su Instagram.
Per condividere con gli altri trekker, emozioni, scoperte e curiosità legate ai percorsi a cui hai partecipato.


4 cose da sapere sul Trekking Urbano

CHE COSA È IL TREKKING URBANO?
Un nuovo modo di fare turismo, lontano dai circuiti più conosciuti. Turismo sostenibile e “vagabonding”, privilegia gli angoli nascosti e meno noti delle città d’arte italiane.

CHI PUÒ PRATICARE IL TREKKING URBANO?
Chiunque. Gli itinerari sono differenziati per lunghezza e per difficoltà al fine di poter essere percorsi sia da persone allenate che da trekker meno esperti.

QUANDO SI PRATICA IL TREKKING URBANO?
La giornata nazionale è il 31 ottobre ma ogni momento dell’anno è adatto per provarlo. Di giorno o di notte, d’estate o d’inverno. A differenza del trekking “classico”, quello in città può essere praticato, seguendo gli itinerari proposti, con qualsiasi condizione meteorologica e in qualsiasi momento della giornata.

QUALI SONO I BENEFICI DEL TREKKING URBANO?
Fa bene allo spirito e alla mente e permette di mantenersi in forma, curando anche le conseguenze della vita sedentaria come stress e ansia.
Lo sapevate che per percorsi da 1 a 4 ore, si possono bruciare da un minimo di 450 kilocalorie (percorso di un’ora) a un massimo di 1.800 kilocalorie (percorso di quattro ore)?