Categorie
Neve

Natale in Emilia-Romagna: 6 idee per le vacanze in Appennino

Interminabili sedute a tavola, pranzi, cene ed una serie di portate senza termine…
Se siete tra quelli che amano passare le feste lontano da casa, dai parenti e possibilmente possibilmente in un luogo isolato in cui poter apprezzare la magia della natura d’inverno e le vette innovate delle montagne.
Se siete tra quelli che amano il silenzioso cielo stellato, gli odori ed i profumi del bosco o se semplicemente siete amanti della neve e delle attività invernali, allora l’articolo di oggi è dedicato a voi.

Si perché qui alla redazione di In Emilia Romagna ci siamo messi d’impegno ed abbiamo selezionato 10 idee/eventi da cui prendere spunto e dedicati a tutti quelli che vorrebbero passare le vacanze natalizie sul nostro Appennino. Una zona montana e di confine che rappresenta però ancora un luogo selvaggio e che regala ai più affezionati paesaggi e panorami difficilmente ripetibili.

Ma non ritardiamo la vostra attesa oltre ed eccoci con 10 idee ed eventi per trascorrere le ferie natalizie tra le vallate e le cime dell’Appennino Emiliano-romagnolo. Se poi siete di quelli a cui piacciono le comodità, date uno sguardo agli eventi e le iniziative di Natale e Capodanno in Emilia Romagna.

Categorie
Neve

Sciare #inEmiliaRomagna | Appennino Reggiano

Se siete amanti dello sci e degli sport invernali, l’Emilia-Romagna vi aspetta nelle sue località sciistiche d’Appennino.


CERRETO LAGHI

La stazione di Cerreto Laghi si trova nel cuore dell’Appennino Tosco-Emiliano, in coincidenza del Passo del Cerreto, crinale e crocevia tra le regioni Emilia Romagna, Liguria e Toscana.
Adagiata tra i suggestivi panorami del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, Cerreto Laghi si sviluppa attorno ad un lago appenninico di origine glaciale, tra fitte faggete abbondantemente innevate durante la stagione invernale. La favorevole collocazione geografica e l’esposizione ai versanti Nord dell’Appennino fanno inoltre di Cerreto Laghi una stazione turistica con buon innevamento naturale (dispone comunque di circa 35 cannoni ad innevamento programmato) e comodamente raggiungibile sia dal versante emiliano che da quello ligure-toscano, grazie ai facili collegamenti con Reggio Emilia, La Spezia ed Aulla.

La Stazione di Cerreto Laghi offre oggi 7 impianti di risalita per un totale di circa 16 Km di piste di sci alpino, a cui si affiancano altri 12 Km di piste di sci di fondo ed un Palazzo del Ghiaccio.
Per i bambini ed i principianti è inoltre offerto un importante servizio di scuola-sci affidato a maestri professionisti che, grazie alla loro competenza, sapranno insegnare le tecniche sciistiche anche ai meno esperti.

VENTASSO

Ventasso Laghi è una stazione sciistica che sorge a circa 1400 m sotto il profilo maestoso dell’omonimo Monte, nel cuore di una fitta faggeta.
Proprio per la sua posizione isolata, la località è una meta turistica ambita nell’arco di tutto l’anno, grazie alle splendide vie escursionistiche che si possono praticare a stretto contatto con un ambiente selvaggio e incontaminato.

Il comprensorio sciistico del monte Ventasso è fornito di quattro impianti di risalita che servono 11 km di piste di sci alpino, alle quali si aggiungono alcune piste da fondo. Le piste da sci sono consuetamente larghe, dotate di innevamento artificiale e con pendenze dolci, caratteristica che consente alla stazione sciistica di essere un vero e proprio paradiso per principianti e amanti dello snowboard, e per chi voglia godersi la vacanza sugli sci all’insegna del divertimento non troppo impegnativo.
In aggiunta la zona di Ventasso Laghi dispone di una buona rete di vie per lo sci escursionismo e splendidi fuoripista.

PRATIZZANO

Dedicata esclusivamente allo sci di fondo, la stazione di Pratizzano, nel comune di Ramiseto, è oggi una delle capitali appenniniche di questa importante disciplina invernale, mentre la locale scuola di maestri è una delle più accreditate e famose di tutta la Regione Emilia-Romagna.
La stazione di Pratizzano oggi conta 3 piste da fondo rispettivamente da 3-5-10 km costantemente battute e di diversa difficoltà, con la possibilità di affittare inoltre attrezzatura e ciaspole per fare stupende passeggiate tra i boschi dell’Appennino.
La stazione offre anche la possibilità di un servizio guide per trekking, su prenotazione, insieme con l’organizzazione di escursioni e gite su percorsi battuti e sperimentali.

FEBBIO

Nella stagione invernale Febbio si trasforma in un’attrezzata stazione sciistica, la più alta dell’Appennino settentrionale (1200-2063m.) e le sue piste raggiungono quota 2063 metri, non molto lontano dalla vetta del Monte Cusna.
Le due seggiovie della stazione consento a tutti di godere appieno dei 19 Km di piste che presentano diversi livelli di difficoltà e che, grazie all’altitudine ed a moderni sistemi di innevamento artificiale, possono essere godute fino a primavera inoltrata.
Gli appassionati dello Snowboard troveranno ampi spazi per le loro evoluzioni a Febbio 2000, mentre per i più piccoli la stazione è dotata di un campo scuola ed una pista per Bob e Slittino.

Per tutti gli appassionati di montagna invernale, segnaliamo anche la possibilità di effettuare lunghe ciaspolate nei boschi che ricoprono i versanti Nord del monte Cusna, cosi come la possibilità di di godere di bellissimi panorami dal Rifugio del Crinale (2000m slm).

[slider]

Categorie
Arte e Cultura

Rocchetta Mattei, un gioiello moresco immerso nell’Appennino bolognese

A pochi chilometri da Porretta, e precisamente nei pressi di Grizzana Morandi, si trova un edificio la cui architettura non può che lasciare a bocca aperta chi vi si imbatte. Proprio tra le verdi montagne dell’Appennino Bolognese sorge infatti un castello che coniuga lo stile medievale a quello arabo-moresco, decisamente originale e atipico per la zona: si tratta della Rocchetta Matteieretta nella seconda metà dell’Ottocento per desiderio del conte Cesare Mattei, letterato e omeopata fondatore di una scienza medica chiamata elettromeopatia, una sorta di mescolanza di omeopatia, fitoterapia, alchimia e magnetismo.

Nato a Bologna nel gennaio del 1809 in una famiglia agiata, Mattei crebbe a contatto con i massimi pensatori dell’epoca; alla morte della madre nel 1844 egli tuttavia lasciò la vita politica e sociale per ritirarsi a mettere a punto (seppur non laureato) una “nuova medicina” che fosse più efficace di quella tradizionale, che aveva fallito nel curare la madre.

Nel giro di qualche anno Mattei mise a punto una scienza basata sull’abbinamento di granuli simil-omeopatici (i cui principi erano estratti da piante officinali e lavorati con una metodologia segreta) con 5 liquidi elettrici, utili a ristabilire il corretto equilibrio delle cariche elettriche del corpo per riportarlo alla “neutralità”.
La pratica medica esercitata da Mattei si diffuse ben presto in tutta Europa e i suoi rimedi divennero molto richiesti, anche all’estero. Mattei venne infatti anche citato da Dostoevskji ne I fratelli Karamàzov.

La costruzione del castello iniziò nel 1850 (sulle rovine dell’antica rocca di Savignano, appartenuta probabilmente a Matilde di Canossa) e proseguì per tutta la vita del conte, che lì risiedeva dirigendone i lavori di riedificazione e ampliamento.
Il castello venne infatti concepito da Mattei per essere la sede della sua”nuova medicina” e per ospitare le persone (tra cui anche numerosi ospiti illustri dell’epoca) che da tutto il mondo giungevano alla Rocchetta per conoscere la sua particolare scienza e farsi curare da lui.

La struttura del castello fu modificata più volte dal conte durante la sua vita, rendendola un labirinto di torri, scalinate monumentali, sale da ricevimento e camere private che richiamano diversi stili, dal medievale al moresco, dal liberty al gotico.
Tra i richiami decorativi più evidenti troviamo quello all’Alhambra di Granada per il Cortile dei Leoni e quello alla Grande Moschea di Cordoba per la cappella dove il conte è sepolto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sara || from Italy with ♥️ (@cappuccinointheclouds) in data:

Grazie alle sue particolarissime atmosfere la Rocchetta Mattei è stata, inoltre, lo sfondo di un romanzo giallo dello scrittore bolognese Loriano Macchiavelli, “Delitti di gente qualunque”, e set cinematografico dei film “Balsamus, l’uomo di Satana” (1968) e “Tutti defunti tranne i morti” (1977) di Pupi Avati e “Enrico IV” (1984) di Marco Bellocchio.

Alla morte di Mattei nell’Aprile del 1896, la villa venne ultimata dal figlio adottivo Mario Venturoli Mattei, che parallelamente continuò la produzione e distribuzione dei “Rimedi Mattei” fino al 1959, quando i laboratori furono costretti a chiudere.

Dopo vari tentativi di cederlo al Comune di Bologna o ad altri enti, gli eredi conclusero le vendita con un commerciante locale, Primo Stefanelli, il cui obiettivo era quello di farne un’attrazione turistica di interesse. Con la morte di Stefanelli la Rocchetta venne però definitivamente chiusa al pubblico.

Grazie alla Fondazione Cassa in Risparmio di Bologna che l’ha acquistata nel 2005 e riaperta al pubblico nel 2015, e al Comune di Grizzana Morandi che lo gestisce (con il patrocinio dell’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese e della Città Metropolitana di Bologna), la Rocchetta Mattei è un gioiello architettonico che tutti oggi possono visitare.

Per prenotare la tua visita clicca qui.

Categorie
Neve

Dove Sciare in Emilia Romagna

Categorie
Natura

Fall Foliage #InEmiliaRomagna

Si sa l’autunno è la stagione più colorata dell’anno e non c’è di meglio che viverla immersi nella natura.
Un’esperienza quasi mistica, nel silenzio dei boschi, in compagnia dei suoi “abitanti”, deliziati dai suoi profumi, in grado di rigenerarci come non avremmo mai pensato.
Non c’è bisogno di andare lontano: una delle foreste più variopinte d’Europa è molto vicina, facilmente raggiungibile e dedica al Fall Foliage persino un festival. Ovviamente stiamo parlando del Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna recentemente insignito dall’Unesco.
Il periodo migliore è proprio questo, tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, quando il verde lascia il posto a mille sfumature dal marrone al rosso porpora, dal giallo all’arancione. Uno spettacolo per gli occhi e per l’anima, basta inoltrarsi nel bosco per respirare bellezza allo stato puro.

Pronti a perdervi tra i colori dell’autunno in un weekend di Fall Foliage #InEmiliaRomagna?
Preparate gli obiettivi di macchine fotografiche e smartphone!

[slider]

Da sempre fenomeno di costume in Canada e negli Stati Uniti, negli ultimi anni il foliage (il periodo in cui le foglie cambiano colore) sta diventando una forma di turismo anche qui da noi. In autunno ogni bosco/foresta sono soggetti a questa trasformazione, ma esistono luoghi speciali in cui il fenomeno assume proporzioni straordinarie, come le Foreste Casentinesi.

Adagiate sulle pendici dell’Appennino Tosco-Romagnolo vantano una posizione geografica d’eccezione tra due grandi regioni, quella mediterranea e quella europea con oltre 40 specie di alberi: un’autentica esplosione di colori e di sfumature differenti che rendono questo paesaggio una magica e naturale tavolozza.
Gli appassionati lo sanno e si organizzano per tempo, ma c’è margine anche per chi è meno organizzato. Vastissime faggete e, a quota inferiore, boschi di aceri, tigli, olmi ad alto tasso di foliage ci attendono.

Fall Foliage – DOVE ANDARE

In cima al Monte Penna che domina la Foresta della Lama.

Nella Foresta di Campigna, risalendo dall’abitato al Passo della Calla per la mulattiera Granducale

Nella Valle dell’Acquacheta.

Sul Monte Tiravento salendo da Premilcuore

Fall Foliage – COSA FARE

Trekking

Percorsi in mountain bike

Uscite di fotografia naturalistica

Sperimentare a tavola i gustosi e colorati frutti del bosco

Fall Foliage – QUANDO

13-14 ottobre a Santa Sofia e Campigna e 27-28 ottobre a Bagno di Romagna per il Fall Foliage Festival

Fino al 25 novembre per Autunno Slow

Fall Foliage #InEmiliaRomagna oltre al Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

C’è solo l’imbarazzo della scelta di luoghi e sfumature da cui lasciarsi incantare!

Il Bosco (abeti e larici) di Pratizzano  nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Il Rifugio Lagdei (faggi) sempre nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Il passo del Lagastrello nel reggiano.

Il Lago del Ventasso denominato anche Lago Calamone (faggi, querceti e castagneti) sempre nel reggiano.

La Riserva Naturale del Bosco della Frattona (querce e roverelle) non lontano da Imola.

La Valle del Sillaro (cerri, roverella e carpino nero) sull’Appennino bolognese.

I tanti vigneti emiliano – romagnoli dove a seconda del vitigno si possono ammirare sfumature oro, rosso magenta, bordeaux.

Le nostre città, se abbellite con tigli, ginkgo biloba e ciliegi selvatici.

Foto in technicolor assicurate (condividetele con noi con un commento), senza andare in New England, Usa, Canada Giappone!

Categorie
A spasso per l’Emilia-Romagna

All’alba in Emilia Romagna: tante esperienze da vivere

Se sei il più mattiniero del gruppo di amici o della famiglia e hai voglia di provare qualcosa di nuovo cosa ne dici di vivere un’esperienza unica nel suo genere provando qualche attività all’alba in Emilia Romagna?
I colori pastello e l’aria frizzante ti faranno compagnia sia che tu decida di assistere ad un concerto al mare o in montagna, di partecipare ad una corsa, ad una particolare visita guidata o di scendere in pista per un liscio, di fare trekking o meditazione.

Alba in Emilia Romagna, esperienza sensoriale indimenticabile.

Alba in Emilia Romagna – liscio

Se la Romagna fosse una musica sarebbe un liscio, pronti a scendere in pista?

Club del liscio all’alba – h. 6.30

Tutti i giorni – Gatteo Mare (FC)

All’alba al Bagno Corrado da quasi 50 anni si balla il liscio, mantenendo viva una tradizione romagnola senza tempo. Lo stabilimento balneare si trasforma in balera e, non ci sono scuse, si balla tutte le mattine. Ottimo modo di iniziare con ritmo la giornata.
Info su Club del liscio all’alba

gatteo mare, forli cesena, club del liscio all'alba bagno corrado
Gatteo Mare (FC) – Club del liscio all’alba, foto via Bagno Corrado

Alba in Emilia Romagna – run

Hai mai provato la sensazione di correre o camminare guardando il sole sorgere?

Rimini for Mutoko: Run Rise

14 luglio – Rimini

A Rimini sono previsti 2 percorsi da 3 e 6.5 km. Al termine caffè, bevande e una piccola colazione per tutti.
Iniziativa benefica (non solo per il vostro corpo) per  chi ha più bisogno visto che l’intero ricavato andrà ai bambini di Operazione Cuore, all’acquisto di medicinali per l’ospedale di Mutoko e al Comune di Montegallo recentemente colpito dal terremoto.
Info costi e prenotazione Run Rise

rimini, rimini, runrise for mutoko, via Rimini for mutoko
Rimini – Runrise for Mutoko, foto via Rimini for mutoko

Alba in Emilia Romagna – concerti

Cosa ne dici di allietare le dolci giornate d’estate, con una dolce melodia, che ti faccia emozionare in riva al mare o in montagna?

Musica all’alba – h. 6.00

15, 22 e 29 luglio e 5, 12, 19 e 26 agosto – Lidi di Comacchio (FE)

In riva al mare per godersi un vasto repertorio musicale dalla musica etnica alla brasiliana, dalle note del jazz a quelle del folk, fino alla musica classica con il suono del pianoforte, dell’arpa e del flauto.
Info su Musica all’alba

Albe musicali sulla spiaggia – h. 6.00

15, 22 e 29 luglio e 5, 12, 19 e 26 agosto – Pinarella di Cervia

Suggestivo appuntamento con le aurore musicali, ogni settimana in uno stabilimento balneare diverso.
Info su Albe musicali sulla spiaggia

Concerti all’alba – h. 6.00

15, 22, 29 luglio e 5, 15, 19 agosto – Cesenatico (FC)

Appuntamento mattutino in riva al mare che unisce la suggestione della musica blues, folk e jazz alle prime luci dell`alba: per ritardatari e mattinieri, mondi così diversi.
Info su Concerti all’alba

L’alba in musica – h. 5.15

15 luglio  e 5 agosto – Rimini

Il Blues, anima della musica, e la poesia di Prevert, tra le più amate di tutti i tempi i fili conduttori dei due appuntamenti musicali in riva al mare di inizio giornata. A fine concerto colazione con  brioche/bombolone e the/caffè per tutti.
Info su L’alba in musica

Concerto all’alba – h. 5.30

19 luglio e 13 agosto – Sestola (MO)

Nel cuore dell’Appennino Modenese, al sorgere del sole, due performance live (Duo Habanera e gruppo Parma Brass) nella magica atmosfera all’interno del parco del Castello, ai piedi del Monte Cimone. Per raggiungere il Parco della Covetta previste messe navette e trenino, a seguire verrà offerta la colazione.
Info su Concerto all’alba

sestola, modena foto al concerto all'alba ph. Eugenio Soliani
Sestola (MO) – Concerto all’alba, ph. Eugenio Soliani

Albe in controluce – Syria in concerto – h. 5.00

22 luglio – Riccione (RN)

Un concerto acustico che conduce in un viaggio musicale tra le voci femminili che hanno segnato la musica fino agli anni 80, incorniciato dal mare riccionese che prende colore e vita al sorgere del sole. Syria sarà accompagnata da Massimo Germini.
Info su Albe in controluce

Ci vediamo all’alba – h. 5.15

22 e 29 luglio, 5, 12 e 19 agosto – Bertinoro (FC)

Sulle prime colline romagnole, nell’ambito di Entroterre, festival di musica, cultura e territori dall’anima itinerante #InEmiliaRomagna c’è addirittura una sezione dedicata ai più mattutini. Per assistere da una posizione privilegiata al sorgere del sole che sale dal mare ascoltando musica popolare o le note di violoncello e clavicembalo e vivere un’esperienza memorabile.
Info su Ci vediamo all’alba

Concerti all’alba – h. 6.00

15 agosto – Milano Marittima (RA)

I colori del cielo, il profumo del mare, la sabbia tra le dita e una emozionante musica come colonna sonora per gustarsi un inizio di giornata magico e indimenticabile.
Info su Concerti all’alba

Alba in Emilia Romagna – canoa

Contro lo stress e la sedentarietà cosa c’è di meglio che provare all’alba la canoa,  uno degli sport acquatici più amati ?

Alba in canoa

15, 22, 29 luglio e 5, 12, 19 e 26 agosto – Gatteo Mare (FC)

Mens sana in corpore sano: questo sport silenzioso e lento, capace di farti scoprire “al rallentatore” i luoghi attraversati ti conquisterà.
Info costi e prenotazione Alba in canoa

gatteo mare, forli cesena, canoa all'alba ph. A.s.d. Delphinos
Gatteo Mare (FC) – Canoa all’alba, ph. A.s.d. Delphinos

Alba in Emilia Romagna – visite guidate

Sicuro di conoscere tutto di Rimini, capitale del turismo e città d’arte e sul sale di Cervia?

Salina speciale alba – h. 6.00

18 e 25 luglio e 1, 8, 15, 22 e 29 agosto – Cervia (RA)

Escursione guidata in barca elettrica ai bacini salati per l’osservazione delle fasi di cristallizzazione del sale, alla scoperta dei tesori e delle curiosità della Salina.
Info costi e prenotazione Salina speciale alba

Discover Rimini: l’Alba racconta – h. 5.45

28 agosto – Rimini

Una visita guidata inconsueta a cura di una storica dell’arte, partendo dal porto e camminando lungo la battigia, per scoprire Rimini e la storia della nascita del turismo balneare con una luce affascinante e magica. Sconti per i possessori della Romagna Visit Card e Rimini Cittàmica.
Info costi e prenotazione Discover Rimini – l’alba racconta

cervia, ravenna, alba in salina, ph. Guerrino Gori via gardenclub.it
Cervia (RA) – Alba in salina, ph. Guerrino Gori via gardenclub.it

Alba in Emilia Romagna – trekking

Fare trekking dà energia nonostante la fatica, immaginate quanto ne guadagnerete facendolo all’alba?

Cimone all’alba – h. 4.30

29 luglio, 26 agosto e 9 settembre

Per chi non teme una levataccia questa esperienza sulla vetta più alta dell’Appennino settentrionale tra faggi secolari regalerà un panorama emozionante del sole che sorge trasformando l’Adriatico in uno specchio dorato.
Info costi e prenotazioni Cimone all’alba

Fiumalbo, modena, CimoneAlba foto via laviadeimonti.com
Fiumalbo (MO) – Cimone all’Alba foto via laviadeimonti.com

Alba in Emilia Romagna – meditazione

Sei alla ricerca di un completo relax-corporeo?

Albe di benessere

Prevalentemente sabato e domenica di luglio e agosto, altri giorni su richiesta per gruppi organizzati – Bellaria, Rimini e Riccione

Un’uscita in mare al levar del sole in barca a vela sull’orizzonte marino con meditazione e biocolazione, è la soluzione che fa al caso tuo.
Info costi e prenotazione Albe di benessere

http://www.riminiturismo.it/visitatori/eventi/manifestazioni-e-iniziative/le-spiagge-del-benessere
Romagna – Albe di benessere, foto via Promozione Alberghiera

Se state immaginando già la sabbia fresca tra le dita dei piedi, l’arietta mattutina, il sole che sorge in lontananza e un panorama mozzafiato dagli Appennini alla riviera, la poesia dei colori pastello  e la compagnia delle persone amate al proprio fianco, non perdete tempo l’ “alba” ha loro in bocca!

 

Categorie
Cicloturismo

Appenninica MTB: una gara a tappe lungo il crinale Appenninico

Dal 20 al 27 luglio arriva la prima edizione della Appenninica MTB ParmigianoReggiano Stage Race, una gara a tappe lungo il crinale Appenninico tra l’Emilia Romagna e la Toscana. Una competizione che offre percorsi bellissimi da guidare in mountain bike, con spettacolari passaggi sulle creste dell’Appennino regionale, paradiso di tanti appassionati di turismo outdoor e sportivo.

Quello che i riders da tutto il mondo affronteranno sarà una prova molto dura: 550 km e un dislivello da scalare di circa 20.000 mt. Ma che lascerà ricordi indelebili e la soddisfazione di avere compiuto qualcosa di straordinario, in un territorio ancora inesplorato dal mondo MTB internazionale.

Appenninica MTB

La formula di gara è quella dei team da due, con classifica generale e per categorie, ed individuali (SOLO) categoria uomini e donne.
La gara completa si svolge su sette tappe precedute da un prologo, ma per i SOLO che non si sentono di affrontare la versione estesa, c’è la possibilità di partecipare alla versione ridotta, la cosiddetta Appenninica4, che copre la seconda parte del percorso della gara maggiore e consta appunto di 4 tappe, da mercoledì 24 a sabato 27 luglio.


Le tappe

Mappa AppenninicaMTB

Come detto, la gara è composta da sette tappe precedute da un prologo, che si svolge sulla stesso percorso del prologo del Giro d’Italia 2019, ma con una spettacolare variante fuori strada sui colli di Bologna.

Il percorso da Berceto a Bagno di Romagna (a Porretta Terme a Bagno di Romagna per la Appenninica4) seguirà poi prevalentemente (dove percorribile in MTB) la linea già individuata dell’Alta Via dei Parchi MTB Trail.

20.07 Prologo: BOLOGNA
21.07 Tappa 1: BERCETO (PR) – CASTELNOVO NE’ MONTI
22.07 Tappa 2: CASTELNOVO NE’ MONTI (RE) – FANANO (MO)
23.07 Tappa 3: FANANO – PORRETTA TERME (BO)
24.07 Tappa 4: PORRETTA TERME – PORRETTA TERME – LA CRONOSCALATA
25.07 Tappa 5: PORRETTA TERME – CASTEL DEL RIO (BO)
26.07 Tappa 5: CASTEL DEL RIO – BAGNO DI ROMAGNA (FC) – LA QUEEN STAGE
27.07 Tappa 7: BAGNO DI ROMAGNA – BAGNO DI ROMAGNA (FC) – LA TECNICA e il GRAN FINALE

Scopri come partecipare
Consulta le domande frequenti


Iniziative serali

I paesi che ospitano il Race Village Appenninica – Berceto, Castelnovo ne’ Monti, Fanano, Porretta Terme, Castel del Rio, Bagno di Romagna – offriranno ai partecipanti un caloroso benvenuto e la loro più tradizionale e deliziosa cucina locale.

Al termine di ogni tappa, in ognuno dei luoghi che ospiterà i concorrenti, la sera alle 20 ci sarà la proiezione del video della tappa e a seguire un briefing sulla tappa successiva (30 minuti circa).
In ogni località interessata si svolgeranno poi alcune attività celebrative. Di seguito il programma delle tappe:

Berceto | Danze dal mondo
Sabato 20 luglio in Piazza San Moderanno ore 21
Ragazze e ragazzi provenienti da tutto il mondo (Albania, Cekia, Turchia, Romania, Slovacchia, Bosnia- Erzegovina, Taiwan, Siberia, Yakutia, Georgia, Russia, Ucraina, Ungheria, Kuklen, Indonesia, Sarhawi, Togo, India, Cina) convergeranno a Berceto per esibirsi con danze ed intrattenimenti musicali tipici dei loro Paesi: è il Festival Internazionale dei Giovani, che vede Berceto come loro sede per tutto il periodo estivo. Un evento multiculturale ricco di tradizioni, folklore e bella musica.

Castelnovo Ne’ Monti | Festa del volontariato ospedaliero “Questa notte per l’Africa”
Domenica 21 luglio in piazza Gramsci ore 15.30
La tradizionale festa “Questa notte per l’Africa” è un evento promosso dal Gruppo Amici Ospedali Missionari – GAOM, onlus si propone di raccogliere fondi per aiutare le popolazioni in difficoltà del terzo mondo, in particolare gli ammalati. In programma uno stand gastronomico con prodotti tipici dell’Appennino Reggiano, una mostra canina con esibizioni cinotecniche e durante la cena intrattenimento musicale.

Fanano | Proiezione di “Felix Pedro. Se solo si potesse immaginare”
Lunedì 22 luglio ore 21
Una serata dedicata al cinema d’avventura. Ostinazione e voglia di scappare dalla miseria: è l’incredibile storia di Felice Pedroni, che diventa Felix Pedro in America e nel 1902 scopre l’oro in Alaska e fonda la città’ di Fairbanks. Un’epica avventura fatta di silenzi, di fatiche, di freddo e di fame, raccontata in un film sotto le stelle di Fanano.

Porretta Terme | Proiezione di “A Soul Journey”
Martedì 23 luglio ore 21
Ogni anno, da oltre 30 anni, alcune delle più grandi leggende della musica soul e R&B si sono esibite al prestigioso Porretta Soul Festival.”A Soul Journey” è un film che racconta alcuni aspetti della vita, spesso complicata, di questi artisti e in particolare i percorsi artistici, umani ed emotivi che li portano ad esibirsi in una piccola cittadina “persa” nelle colline italiane. Nel film troveremo i più grandi nomi della storia del soul, come Otis Clay, Otis Redding, Solomon Burke, Rufus Thomas, Bar Kays. Una serata di cinema all’aperto per sentire ancora una volta le loro note risuonare per il paese.

Porretta Terme | Danze folkloristiche
Mercoledì 24 luglio ore 21
Un concerto-spettacolo dell’orchestra Vincenzo Serra, composta da 5 elementi, tra le più note band bolognesi di musica da ballo, con un programma che propone e rinnova la migliore tradizione del folk emiliano, del liscio e dello swing. L’orchestra è stata fondata nel 1985 da Vincenzo Serra, talentuoso clarinettista allievo del maestro Henghel Gualdi, di cui interpreta magistralmente i brani più noti.

Castel del Rio | Proiezione di “La Regina di Casetta”
Giovedì 25 luglio ore 21
Una serata dedicata al cinema d’Appennino con la proiezione del docu-film “La Regina di Casetta”. Premiato al Trento Film Festival, il film documenta una particolare consapevolezza da parte dei giovani dell’unicità di territori apparentemente marginali, ma che in realtà costituiscono la spina dorsale dell’intero Paese, attraverso le parole di una giovane ragazza che vive ancora nel borgo isolato di Casetta.

Bagno di Romagna | Weekend del Capitano
Venerdì 26 e sabato 27 luglio ore 15
Tutto il centro storico di Bagno di Romagna sarà decorato con addobbi storici rinascimentali, grazie alla manifestazione organizzata dalla ProLoco di Bagno di Romagna per riscoprire le tradizioni del paese tramite la storia e le proprie origini, quelle del Granducato di Toscana, che ha governato questo territorio fino al 1923 e che ancora oggi trova testimonianze nello storico Palazzo del Capitano in Via Fiorentina. Durante la festa avrà luogo la premiazione dei vincitori di Appenninica e la consegna di tutte le medaglie da Finisher agli atleti che avranno concluso la gara. Seguirà la cena dei Finishers.

Categorie
Cicloturismo

Rally MTB delle Foreste Casentinesi

Il weekend del 6 e 7 luglio 2019 a Bagno di Romagna, Premilcuore e Santa Sofia, sull’Appennino Romagnolo, arriva un nuovo evento dedicato agli appassionati di mountain bike: è il primo Rally MTB delle Foreste Casentinesi.
Il percorso sarà suddiviso in due giornate, con altrettante tappe:

  • sabato 6 luglio la 1^ tappa partirà da Bagno di Romagna, dove dalle 7.00 sarà possibile formalizzare l’iscrizione e ritirare il pacco gara e pettorali; la partenza della gara è prevista per le 9.30.
    Il percorso sarà di 50 km/dsl con un dislivello di 1900 mt.
    Alle ore 16.00 si svolgerà poi la vestizione delle maglie ai leader.
  • domenica 7 luglio la 2^ tappa partirà da Santa Sofia; dalle ore 7.30 il ritrovo dei concorrenti, con partenza della gara sempre alle 9.30.
    Il percorso sarà di 42 km/dsl con un dislivello di 1400 mt.
    Alle ore 14.30 è previsto l’inizio delle premiazioni finali.

Lungo i percorsi sono previsti dei punti ristoro, mentre al termine delle due tappe sarà organizzato un “Pasta Party” per tutti i concorrenti.

Possono partecipare diverse categorie di atleti e al termine della competizione verranno premiati i primi 12 di ogni categoria; i primi 5 classificati di ogni categoria della 1° tappa, inoltre, partiranno nella 2° tappa in griglia di merito. Per maggiori informazioni ecco il regolamento.

L’iscrizione alla gara è possibile entro e non oltre giovedì 4 luglio 2019, mentre per chi desiderasse prenotare anche l’albergo entro e non oltre venerdì 21 giugno.

Categorie
Natura

Trekking col treno 2019 – turismo lento per un’esperienza sostenibile e consapevole

Un buon camminatore non lascia tracce.

Lao Tzu – Tao Te Ching

La frenetica vita quotidiana ci pesa sempre di più e bastano le prime giornate di sole e le temperature più miti per stimolare in molti di noi la voglia di stare all’aria aperta e di dedicarsi a ciò che più ci piace, alla ricerca di uno stile di vita più in simbiosi con la natura.
#InEmiliaRomagna, la soluzione che soddisfa in un colpo solo queste necessità l’abbiamo trovata, risponde al nome di Trekking col treno e da 27 anni ci dà anche modo di conoscere meglio la nostra regione.

Si tratta di un calendario – da marzo a dicembre – di escursioni e itinerari poco battuti, organizzati dal CAI di Bologna e Città Metropolitana di Bologna, che prevedono, nel rispetto dell’ambiente,  il raggiungimento del punto di partenza o di qualche tappa intermedia con i mezzi pubblici, treno prevalentemente ma anche bus.

Un’occasione per un’escursione o per viaggio lento, sostenibile e consapevole, alla scoperta del territorio, denso di memoria storica. In questo 2018 più che mai, Anno Europeo del Patrimonio Culturale, un’esperienza per comprendere il passato e adoperarci per un futuro migliore. Oltre 50 le escursioni previste a piedi o in bicicletta che solcheranno i sentieri di valli, colline e cime del territorio bolognese, di cui almeno un terzo anche in inglese*.

Novità di quest’anno le camminate in notturna e alcune tappe della “Via della Lana e della Seta”, nuovo percorso escursionistico che collega Bologna a Prato. Immancabile la classica escursione Barbiana-Monte Sole, un trekking di sette giorni (19-25 aprile) tra Toscana ed Emilia-Romagna: il trekking termina simbolicamente nel giorno della Liberazione a Monte Sole, luogo simbolo della Resistenza, di valori e di memoria.

Perché camminare all’aria aperta, lo sa bene anche chi lo fa anche di tanto in tanto, fa scoprire la storia di luoghi che pensavi di conoscere e le sue genti con saperi che spesso rischiano l’estinzione, permette di allargare i tuoi orizzonti rendendoti più attento e più sensibile. Dà energia nonostante la fatica, rigenera dandoti la carica aiutandoti a riscoprire le vere priorità della vita e talvolta anche a trovare le soluzioni ai tuoi problemi.

Concedetevi il lusso di sentirvi liberi, vedere posti nuovi, toccare con mano tracce di storia, gustare i prodotti del sottobosco, odorare l’aria fine e pura e ascoltare la voce dei ruscelli: vi arricchirete come non avreste mai pensato e non vedrete l’ora di tornarci.

Per voi una selezione di escursioni (sempre con pranzo/cena al sacco), divisi per tema.

Trekking col treno – di via in via 
Trekking col treno – di rifugio in rifugio 
Trekking col treno – in sella alla bici 
Trekking col treno – di esperienza in esperienza 
Trekking col treno – di fiore in fiore 

[slider]

Trekking col treno – di via in via

bologna, trekking col treno croniche appenniniche ph. Trekkingcoltreno.it
ph. Trekkingcoltreno.it

La Via della Lana e della Seta / 3ª tappa*
Domenica 25 marzo 2018

Un percorso di media difficoltà, 19 km, che percorre la terza delle sei tappe di questo nuovo trekking che collegherà Bologna a Prato. Alla scoperta dei territori montani, per conoscere storie, luoghi e personaggi dell’Appennino tosco-emiliano.

Mezzo di trasporto – Treno+Bus
Ritrovo – h.6.30 Bologna Stazione Centrale Piazzale Est
Partenza a piedi – h. 8.00 Castiglion dei Pepoli, Piazza della Libertà
Arrivo previsto – h. 17.49 Bologna Stazione Centrale

Cronίche Appenniniche
Sabato 15 settembre 2018

Facile percorso, 11km,  che lungo la Via Francesca, da Pavana a Molino del Pallone, camminando “a vago” condurrà al nido d’aquila della Sambuca.

Mezzo di trasporto – Treno
Ritrovo – h. 7.50 Bologna Stazione Centrale Piazzale Ovest
Partenza a piedi – h. 9.40 Ponte della Venturina
Arrivo previsto – h. 19.32 Bologna Stazione Centrale

Transappenninica da Vernio a Castiglione
Domenica 14 ottobre 2018

Percorso di media difficoltà, 23 km, che conduce, dalla Toscana all’Emilia, lungo i percorsi della fede, della Resistenza e dell’energia.

Mezzo di trasporto – Treno+Bus
Ritrovo – h. 6.30 Bologna Stazione Centrale Piazzale Est
Partenza a piedi – h. 7.40 Vernio
Arrivo previsto – h. 20.35 Bologna Autostazione


Trekking col treno – di rifugio in rifugio

Viaggio lento in primavera con Trekking col treno al-rifugio-piu-basso-ditalia
Ph. Trekkingcoltreno.it

Al rifugio più basso d’Italia
Lunedì 2 aprile 2018

Un percorso facile, 16 km, che raggiungerà il Casetto Bassarone CAI, soprannominato Rifugio, che non è altro che una vecchia casa di guardia del fiume Reno risalente agli anni 800, a ben 2  metri s.l.m.! Per una Pasquetta alternativa nel cuore del Delta del Po.

Mezzo di trasporto – Treno
Ritrovo – h.8.30 Bologna Stazione Centrale Piazzale Est
Partenza a piedi – h. 10.00 Consandolo
Arrivo previsto – h. 19.40 Stazione Bologna

Ha riaperto il nostro rifugio*
Domenica 24 giugno 2018

Un percorso facile, 12 km, per festeggiare la riapertura del Rifugio Duca degli Abruzzi, per la classica escursione sull’Appennino Tosco-Emiliano che inaugura la stagione estiva. Ultima tappa un altro rifugio, quello del Cavone.

Mezzo di trasporto – Treno+Bus
Ritrovo – h.6.50 Bologna Stazione Centrale Piazzale Ovest
Partenza a piedi – h. 9.30 Madonna dell’Acero
Arrivo previsto – h. 19.32 Stazione Bologna

Verso il Duca degli Abruzzi*
Domenica 12 agosto 2018

Un percorso ad anello di 16 km, difficolta media, sull’Alta Via dei Parchi, nel 150° Anniversario della fondazione della Sezione CAI di Firenze che nel 1878, in collaborazione con il CAI di Bologna, costruì in questo luogo il primo rifugio.

Mezzo di trasporto – Treno+Bus
Ritrovo – h.6.50 Bologna Stazione Centrale Piazzale Ovest
Partenza a piedi – h. 9.40 Rifugio Cavone
Arrivo previsto – h. 19.32 Stazione Bologna


Trekking col treno – bici in pista

bologna, trekking col treno in bici a monte bibele ph. Trekkingcoltreno.it
Ph. Trekkingcoltreno.it

In bici nella “Bassa” Bolognese
Sabato 7 aprile 2018

Un percorso facile, 60 km, lungo piste ciclabili e stradine secondarie, ghiaiate o asfaltate, e poco trafficate della pianura, da Bologna a S. Giovanni in Persiceto e ritorno.

Mezzo di trasporto – Bici
Ritrovo – h.9.00 Parcheggio Villa Angeletti (entrata Via Carracci)
Arrivo previsto – h. 17.00 Bologna Villa Angeletti

In bici a Monte Bibele
Sabato 14 aprile 2018

Un percorso di 55 km, media difficoltà, fino a Monte Bibele con visita al Parco Archeologico Naturalistico e all’abitato etrusco – celtico sulla Pianella di Monte Savino e alla Necropoli del IV secolo a.c. percorrendo la “Via della Carrozza”.

Mezzo di trasporto – Bici
Ritrovo – h.8.30 Pian di Macina Stazione FS
Arrivo previsto – h. 17.00 Pian di Macina Stazione FS

Orgoglio pieghevole: in bici con la Graziella
Sabato 20 ottobre 2018

Un percorso facile, 40 km, fino a Osteria Grande, passando per San Lazzaro di Savena e Ozzano nell’Emilia: un tuffo nel passato sulla mitica e un po’ retrò, Graziella pieghevole!

Mezzo di trasporto – Bici
Ritrovo – h.9.00 Bologna Piazza Maggiore
Arrivo previsto – h. 17.00 Bologna


Trekking col treno – di esperienza in esperienza

bologna, trekking col treno ora volano le cicogne ph. Trekkingcoltreno.it
ph. Trekkingcoltreno.it

Ora volano le cicogne
Domenica 15 aprile 2018

Un percorso facile ad anello, 21 km, dove tenere gli occhi ben aperti per individuare la cicogna bianca che vive nelle aree umide protette tra Bentivoglio e San Pietro in Casale attorno al Casone del Partigiano, un simbolo della resistenza italiana.

Mezzo di trasporto – Bus
Ritrovo – h.7.00 Bologna Autostazione
Partenza a piedi – h. 8.00 San Giorgio di Piano
Arrivo previsto – h. 19.05 Bologna Autostazione

Yoga e trekking*
Domenica 22 aprile 2018

Un percorso facile ad anello, 13 km, per un trekking che include anche una sessione di yoga, svolta da una insegnante certificata. Per coniugare la natura e le energie che ci circondano.

Mezzo di trasporto – Treno
Ritrovo – h. 6.50 Bologna Stazione Centrale Piazzale Ovest
Partenza a piedi – h. 8.15 Riola Stazione
Arrivo previsto – h. 19.32 Bologna Stazione Centrale

In cammino di giorno… e di notte*
Sabato 4 agosto 2018

Un percorso facile di 15 km,  che dai prati di Mugnano condurrà al parco Talon per scoprire che il buio può non far paura e che, per camminare, può anche bastare la luce delle stelle!

Mezzo di trasporto – Bus
Ritrovo – h.16.50 Bologna Piazza XX Settembre, fermata 92B
Partenza a piedi – h. 18.15 Sasso Marconi, fermato Mercato
Arrivo previsto – h. 00.17 Bologna Via Marconi

Tartutrek*
Giovedì 1 novembre 2018

Facile percorso ad anello, 15 km, alla scoperta di Monghidoro e dei suoi dintorni, territorio ideale per provare le specialità di montagna, compreso il pregiato tartufo bianco locale.

Mezzo di trasporto – Bus
Ritrovo – h.7.45 Bologna Autostazione
Partenza a piedi – h. 9.45 Monghidoro
Arrivo previsto – h. 19.05 Bologna Autostazione


Trekking col treno – di fiore in fiore

Viaggio lento in primavera con Trekking col treno orchidea

Peonie nostre*
Martedì 1 maggio 2018

Un facile itinerario, 12 km, che immerso nei boschi, ci regalerà, con un po’ di fortuna, una delle più sorprendenti fioriture di peonie selvatiche del nostro Appennino, vera ricchezza per gli occhi e per lo spirito.

Mezzo di trasporto – Treno
Ritrovo – h.8.50 Bologna Stazione Centrale Piazzale Est
Partenza a piedi – h. 10.00 Grizzana stazione FS, Pian di Setta
Arrivo previsto – h. 18.32 Bologna Stazione

Orchidea
Domenica 6 maggio 2018

Un percorso facile, 17 km, lungo un sentiero punteggiato di straordinarie e colorate orchidee spontanee. Un mondo sconosciuto ai più che impareremo a conoscere, amare e tutelare capendo che “solo il fiore che lasci sulla pianta è tuo” (A. Capitini).

Mezzo di trasporto – Bus
Ritrovo – h.7.45 Bologna Autostazione
Partenza a piedi – h. 9.15 San Benedetto del Querceto
Arrivo previsto – h. 19.05 Bologna Autostazione

Le ortensie di Tresana *
Domenica 8 luglio 2018

Facile itinerario ad anello, 12 km, che conduce a Tresana, suggestivo paesino, che ogni anno è un perfetto teatro per le ortensie: piante generose che sfoggiano lunghe e vistose fioriture di ogni colore.

Mezzo di trasporto – Treno+Bus
Ritrovo – h.6.50 Bologna Stazione Centrale
Partenza a piedi – h. 9.35 Pennola
Arrivo previsto – h. 19.32 Bologna Stazione

 

Come partecipare

Mappa delle escursioni

Libretto escursioni 2018 in pdf

Il nostro consiglio, visto che il tempo può subire sempre sbalzi termici importanti, è quello di prevedere  un abbigliamento consono che preveda anche capi caldi e impermeabili (modalità cipolla ON) e un buon paio di scarpe comode, meglio se  impermeabili.

Buon viaggio trekker!

[cta url=”https://www.facebook.com/Trekking-Col-Treno-1568854596663492/” txt=”Rimani aggiornato, segui Trekking col treno su FB”]