Categorie
Food Valley

Storia e ricetta del Tortellino, il re del Natale (ma non solo)

Se chiedete tra Bologna e Modena quale sia il piatto preferito dai bambini da 0 a 99 anni, con buona probabilità riceverete un 100% di risposte concordanti: i tortellini in brodo! Non solo per il loro gusto unico, ma anche per il sapore di casa e di famiglia che portano con loro.

Tradizione vuole che i tortellini non possano mancare quando tutta la famiglia è raccolta attorno al tavolo a Natale, e la preparazione stessa dei tortellini richiede la collaborazione di tutto il parentado: c’è chi tira la sfoglia, chi la taglia a piccoli riquadri, chi mette la nocciolina di ripieno sul quadrato e chi lo chiude con abilità, facendolo girare attorno al dito mignolo. Una piccola “catena di montaggio” familiare, un momento magico che fa pregustare l’atmosfera natalizia in arrivo, unisce gli animi e appiana i piccoli dissapori.

La storia

Ma dove e quando è nato il tortellino? E qual è la sua storia?
In realtà le origini del tortellino non sono chiare e la sua nascita si confonde con la leggenda.

Innanzitutto il luogo: Bologna e Modena si sono contese per secoli “l’invenzione” del tortellino, finché la disputa fu chiusa, in tempi relativamente recenti, alla fine dell’800, con un accordo tra intelligenti buongustai*: grazie all’arguzia di Giuseppe Ceri, venne concordato che il luogo di nascita ufficiale del tortellino fosse Castelfranco Emilia, un paese che sorge lungo la Via Emilia proprio a metà strada tra Bologna e Modena. E proprio qui si svolge infatti ogni anno, nella seconda settimana di settembre, la Sagra del Tortellino tradizionale, organizzata dall’Associazione La San Nicola.

Sempre grazie a Giuseppe Ceri nacque la leggenda sull’origine del tortellino: egli parodiando la Secchia Rapita (il poema eroicomico scritto dal Tassoni nel 1614), completò la storia immaginando che Marte, Bacco e Venere fossero giunti in una locanda di Castelfranco, per dar manforte ai modenesi. Marte e Bacco di buon ora si alzarono mentre Venere rimase a letto. Svegliatasi e trovandosi sola si attaccò al campanello per chiamare l’oste, che giunto, trafelato, trovò la dea tutta discinta. Colpito dalla bellezza del divino ombelico, scese in cucina, prese una sfoglia fresca e “l’arte di fare il tortellino apprese.”*

Dopo Ceri, altri ricamarono sulla leggenda del tortellino, calandola su persone e su fatti ben più terreni, e addirittura individuando la locanda dove ciò sarebbe successo.

Di certo c’è solo che le sue origini risalgono sicuramente al Medioevo: in una pergamena datata 1112 si legge infatti “Tertia pars turtellorum monachorum est” (la terza parte dei tortelli spetta ai monaci), mentre da una bolla di Papa Alessandro III del 1169 apprendiamo che una chiesa doveva assegnare “duas partes turtellorum”.
Dopo questi primi due riferimenti, i “tortelli” vengono citati più volte in documenti dal 1200 in poi, tanto che nel Trecento e nel Quattrocento i “torteletti” – i diretti antenati del tortellino – erano abbastanza diffusi, almeno tra la fascia più ricca della popolazione, seppure la loro ricetta fosse ancora lontana da quella attuale.

Per trovare nei documenti il vero e proprio termine “tortellini” arriviamo al 1708, quando il menù del pranzo natalizio dei monaci di San Michele in Bosco riporta una “minestra di tortellini”.
Proprio al ‘700 risale inoltre l’inserimento tra gli ingredienti del ripieno del tortellino il midollo di bue. Prima di storcere il naso sappiate che questa ricetta di Alberto Alvisi, cuoco del vescovo di Imola, ebbe talmente tanta fortuna che nel tortellino per tutto l’800 e nella prima metà del ‘900 il midollo era quasi d’obbligo.

Per l’inserimento nel ripieno della mortadella dobbiamo invece aspettare il 1800.
La ricetta del ripieno che nel 1891 Pellegrino Artusi propone nel suo manuale “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” è composta da 30 grammi di prosciutto crudo, 20 grammi di mortadella, 60 grammi di midollo di bue, 60 grammi di parmigiano, un uovo e odore di noce moscata.

Pochi sono al giorno d’oggi quelli che usano il midollo di bue nel ripieno, a riprova del fatto che la cucina segue i gusti della sua epoca, oltre al fatto che ogni famiglia ha la propria variante della ricetta, che custodisce e tramanda di generazione in generazione.
Ma se dovessimo ad oggi trovare la ricetta ufficiale, quale sarebbe?

La ricetta

Noi – per non far torto a nessuno – vi proponiamo quella depositata dalla Dotta Confraternita del Tortellino presso la Camera di Commercio di Bologna (qui la pergamena ufficiale)

Preparazione per circa 1.000 Tortellini

Ingredienti
pasta fresca gialla preparata con 3 uova e 3 etti di farina;
per il ripieno: 300 gr. di lombo di maiale rosolato al burro, 300 gr. di prosciutto crudo, 300 gr. di vera Mortadella di Bologna, 400 gr. di formaggio Parmigiano-Reggiano, 3 uova, 1 noce moscata.
per il brodo: 1 kg di carne di manzo (doppione); 1/2 gallina ruspante; sedano, carota, cipolla, sale

Procedimento
Preparare il ripieno dei tortellini macinando molto finemente la carne e incorporarvi le uova, il Parmigiano, la noce moscata. Il composto così preparato va lasciato riposare almeno 12 ore in frigorifero.

Preparare il brodo mettendo la carne e la mezza gallina in una pentola con 4 litri d’acqua fredda e portarla ad ebollizione, quindi togliere con la schiumarola la schiuma formatasi sull’acqua, aggiungere le verdure, aggiustare di sale e fare bollire molto lentamente per almeno 3 ore.

Preparare i tortellini stendendo la pasta sul tagliere di legno con il matterello fino a renderla molto sottile, tagliare dei quadretti di circa 3 centimetri di lato, al centro di ogni quadratino collocarvi una noce di ripieno, quindi piegare la pasta a triangolo facendo combaciare i lati, piegare il triangolo così ottenuto girandolo attorno al dito e sovrapponendo i due angoli opposti, premere il tortellino in modo che la pasta si attacchi saldamente e il tortellino rimanga in forma. Man mano che saranno pronti riporli su un ripiano.

Scolare il brodo dalla carne e portarlo di nuovo ad ebollizione, poi tuffarvi i tortellini piano piano e lasciarli cuocere a fuoco medio per almeno 3/4 minuti, prima di servire caldissimi con abbondante Parmigiano grattugiato al momento.*

Tortellini in brodo Ph. @lalunasulcucchiaio via Instagram
Tortellini in brodo Ph. @lalunasulcucchiaio via Instagram

* Ringraziamo la Dotta Confraternita del Tortellino per le informazioni, tutto ciò che nel testo è in corsivo è tratto dal sito confraternitadeltortellino.it

 

Categorie
Appuntamenti

Scappo dalla città: il Natale nei piccoli borghi dell’Emilia Romagna

Parenti, interminabili cene e pranzi in famiglia, tombolate, carte italiane, francesi e chi più ne ha più ne metta. Passare il Natale in famiglia può a volta può trasformarsi in una maratona senza fine, tanto che spesso viene voglia di scappare, uscire dal salone, allontanarsi dal tavolo per una passeggiata con gli amici più cari.
Ecco per tutti coloro che non amano, o sopportano poco, le tradizionali riunioni familiari e preferiscono scappare altrove, oggi proponiamo 5 mete in cui fuggire per Natale: 5 luoghi scelti perché lontani dalla città, in luoghi suggestivi o semplicemente perché rappresentano parte della tradizione natalizia dell’Emilia Romagna.
Buone feste

Natale a Comacchio (FE)

Natale a Comacchio – Ph. nbisi CC BY SA

Canali e barconi addobbati a festa il tutto attorniato dalle atmosfere natalizie della città lagunare, passeggiare per Comacchio durante le festività Natalizie è davvero un’esperienza suggestiva.
Tra le luminarie ed i mercatini, segnaliamo anche il ricco programma di eventi organizzati durante le festività natalizie nei musei lagunari: Museo Delta Antico, Manifattura dei Marinati, Casa Museo Remo Brindisi e Valli di Comacchio
Tutte le info

Natale a Brisighella (RA)

Natale nei borghi dell'Emilia-Romagna
Brisighella – Ph. Vanni Lazzari in CC BY SA

Le festività di Natale immersi in uno dei più bei borghi d’Italia, dove coccolarsi  tra suggestive passeggiate e specialità gastronomiche locali. Questo in breve quello che vi aspetta se deciderete di passare il Natale a Brisighella, piccolo borgo del duecento affacciato sulla Valle del Lamone. E poi siete in Romagna, a due passi dalla Riviera e dai più importanti e rinomati centri del divertimenti italiano; volete mettere?

Città e Presepi di Romagna

Natale in Emilia Romagna - Longiano dei presepi
Natale in Emilia Romagna – Longiano dei presepi

Tornano le visite guidate nei borghi e nelle città della Romagna per le festività natalizie 2019-2020.
Quest’anno sono in programma visite al suggestivo presepe della marineria di Cesenatico, percorsi e camminate per ammirare la magia del Natale nel borgo di Longiano e itinerari alla scoperta delle luminarie del Centro di Cesena.
Dal 14 a 4 Gennaio tante iniziative per un Natale nelle terra di Romagna.
Tutte le Info

Natale a Grazzano Visconti (PC)

Il suggestivo borgo medievale dell’Appennino piacentino ospita fino al 6 gennaio eventi, spettacoli e mercatini tutti dedicati al Natale. Da non perdere la camminata notturna nel parco durante la notte di Capodanno, una visita a lume di candela all’interno del Parco del Castello.
Tutte le info

Natale a Verucchio (RN)

Natale nei borghi dell'Emilia-Romagna
Natale a Verucchio – Foto di ProLoco Verucchio

È tra i più belli e rinomati borghi della Valmarecchia, splendida vallata al confine tra Marche, Romagna ed il Mare Adriatico. Verucchio a Natale si trasforma in una esperienza sensoriale attraverso il gusto dei sapori delle feste, gli odori degli antichi natali, i suoni della tradizione collinare italiana.
Un mondo in cui immergersi totalmente, lontano dal trambusto cittadino dove le feste ritrovano la loro dimensione storica e umana…vi abbiamo già convinto?

 

Categorie
Neve

Natale in Emilia-Romagna: 6 idee per le vacanze in Appennino

Interminabili sedute a tavola, pranzi, cene ed una serie di portate senza termine…
Se siete tra quelli che amano passare le feste lontano da casa, dai parenti e possibilmente possibilmente in un luogo isolato in cui poter apprezzare la magia della natura d’inverno e le vette innovate delle montagne.
Se siete tra quelli che amano il silenzioso cielo stellato, gli odori ed i profumi del bosco o se semplicemente siete amanti della neve e delle attività invernali, allora l’articolo di oggi è dedicato a voi.

Si perché qui alla redazione di In Emilia Romagna ci siamo messi d’impegno ed abbiamo selezionato 10 idee/eventi da cui prendere spunto e dedicati a tutti quelli che vorrebbero passare le vacanze natalizie sul nostro Appennino. Una zona montana e di confine che rappresenta però ancora un luogo selvaggio e che regala ai più affezionati paesaggi e panorami difficilmente ripetibili.

Ma non ritardiamo la vostra attesa oltre ed eccoci con 10 idee ed eventi per trascorrere le ferie natalizie tra le vallate e le cime dell’Appennino Emiliano-romagnolo. Se poi siete di quelli a cui piacciono le comodità, date uno sguardo agli eventi e le iniziative di Natale e Capodanno in Emilia Romagna.

Categorie
A spasso per l’Emilia-Romagna

Presepi e mercatini di Natale in Emilia Romagna

A dicembre l’Immacolata ci ricorda che è tempo di Presepi mentre Santa Lucia porta con sé le mille luci dei mercatini di Natale.
Dopo la nostra selezione alternativa dei migliori mercatini natalizi vintage & handmade passiamo a raccontarvi la tradizione, tutta da vivere, #InEmiliaRomagna.

Mercatini di Natale tutti da scoprire, in città d’arte e borghi dalla pianura alla montagna.
Presepi (anche viventi) dalle più stravaganti fogge: di pane, di sale, di sabbia, nelle solfatare o nei castelli.

Da Nord a Sud, ecco la nostra speciale selezione* di presepi e mercatini #InEmiliaRomagna: sarà un tour intenso ma ricco di soddisfazioni, pronti a vivere l’atmosfera del Natale #InEmiliaRomagna?

Presepi #InEmiliaRomagna

Suggestive rappresentazioni della Natività, tra storia, cultura locale e antichi mestieri.

Nel piacentino il 24 dicembre si può assistere al Presepe vivente nel parco del Castello di Rivalta mentre dal 2 dicembre al 7 gennaio va in scena La Magia del Presepe di Sabbia (del Po) una tradizione tipica della Riviera Romagnola che arriva a Piacenza con i migliori scultori internazionali.

Nell’appennino parmense segnaliamo Bazzano paese dei presepi (9 dic/ 7 gen) dove ammirare più di 200 presepi realizzati con i materiali del territorio, nei giardini e nei fienili, particolarmente suggestivi al calar delle sera.

Tanti i presepi che animano il territorio reggiano: da quello di Gazzano ubicato nel Museo dei Presepi (dove se no?) al Sentiero di Presepi di Quattro Castella (10 dic/14 gen) e alla Via dei Presepi di Ciano d’Enza (10 dic/7 gen) con natività tradizionali ma anche curiose realizzate con materiale di recupero.
Per chi è appassionato di presepi viventi segnaliamo, nella suggestiva cornice del Castello di Carpineti, C’è posto per la notte?  previsto domenica 17 dicembre.

A Fiumalbo, nel modenese, il 24 dicembre e il 6 gennaio si ripete lo spettacolo del Presepe Vivente che trasforma per qualche ora il borgo in una Betlemme d’appennino.

Nel bolognese le nostre segnalazioni vanno a Terra di Presepi (24 dic/6 gen) a Castel D’Aiano, Villa d’Aiano e nel Parco delle Grotte di San Cristoforo e al Presepe vivente a Pietracolora, frazione di Gaggio Montano, del 24 dicembre e 6 gennaio, animato dalla comunità locale.

Due segnalazioni nelle valli ferraresi: le suggestive natività di Comacchio (8 dic/31 gen) che propongono Presepi sotto i ponti realizzati nei pressi del Ponte Trepponti tra i canali e sulle barche e Argenta città dei Presepi lungo le strade del centro storico.

Per Cervia Emozioni di Natale (8 dic/7 gen) tanti presepi curiosi: da quello meccanico a quello dei salinari, dal suggestivo presepe galleggiante alle grandi sculture di sabbia che ripropongono famose opere d’arte sulla Natività.
Mentre sulle colline ravennati, dal 17 dicembre al 28 gennaio, si può visitare a Casola Val Senio il Presepe meccanico nell’Abbazia di Valsenio e quello Monumentale allestito all’aperto,  Il Presepe della costa a Riolo Terme, in miniatura e con scene in movimento, tutti visitabili e il Presepe vivente di Brisighella (26 dic).

Tanti i presepi da visitare nel forlivese: dal galleggiante Presepe della Marineria sul porto Canale di Cesenatico (3 dic/14 gen) alla magia e l’incanto di Longiano dei Presepi (8 dic/14 gen), dal grandioso Presepe meccanico nella Galleria ex Pescheria di Cesena (3 dic/14 gen) al grande Presepe animato meccanico nel Foro Boario di Gambettola (9 dic/7 gen). Mentre Portico di Romagna diventa il Paese dei presepi (8 dic/ 13 gen) con ogni angolo del borgo allestito con le più differenti natività. E poi a Terra del Sole la 30° rassegna dei Presepi (24 dic/7 gen), ad Acquapartita il Presepe Vivente (8 dic) e a Predappio non uno ma ben tre presepi: quello artistico in legno, quello tradizionale e quello meccanico nella Grotta della Solfatara.

Sul litorale Presepi di sabbia (7 dic/21 gen) ispirati alla tradizione settecentesca napoletana a Rimini, a Bellaria Igea Marina e a Torre Pedrera mentre a Misano Adriatico si va a Spasso tra i Presepi (8 dic/8 gen) per ammirare presepi artistici in vetrina. Nell’entroterra Il grande presepe sulla rupe (8 dic/6 gen) di Pennabilli e l’originale Presepe di Pane di Torriana (8 dic/28 gen).

[cta url=”http://www.emiliaromagnaturismo.it/it/eventi/i-presepi-di-natale-2017″ txt=”Scopri tutti i presepi #InEmiliaRomagna”] 

[slider]

Mercatini di Natale #InEmiliaRomagna

Dove scegliere i regali più belli  per parenti e amici, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Sui colli piacentini si può decidere di visitare quello nel borgo neomedievale di Grazzano Visconti nelle giornate del 3/8/9/10/16/17/23 e 24 dicembre o fare un salto in città per la Fiera di Natale con i Mercatini Natalizi Farnesiani (1/24 dic).

A Parma l’invito è quello di visitare Come una volta: il Gran mercato dei sapori e delle antiche tradizioni (14/23 dic) per ritrovare le tradizioni e il gusto del territorio per il pranzo di Natale.

Nel reggiano si inizia l’8 dicembre a Cavriago, per proseguire il 10 a Gazzano e Viano terminando il 17 a Castellarano. In tutti casi potrete trovare artigianato natalizio e specialità gastronomiche del territorio

Nel cuore del centro storico di Bologna si va in cerca di Regali a Palazzo (7/10 dic) dopo aver visitato l’Antica Fiera di Santa Lucia sotto il portico dei Servi, la Fiera del Natale di Via Altabella e il Villaggio di Natale francese in Piazza Minghetti. Possibilità di shopping a Casalecchio di Reno nelle giornate del 1/3/7/8/9/10/15/16 e 17 dicembre e a Savigno il 16 e 17 dicembre per Natale fatto a mano.

Fino al 7 gennaio al Fideurum Christmas Village di Ferrara sarà possibile invece vedere artigiani all’opera con originali creazioni in vetro, ceramica, pelle, metallo, decorazioni natalizie e prodotti tipici dell’enogastronomia tra cui scegliere il dono più adatto.

Nel ravennate due proposte: Mercatini gourmet (2 dic/7 gen) in riva al mare a Cervia e Milano Marittima e Temporary shop di Natale delle ceramiche faentine (2/24 dicembre) per scovare regali raffinati e cool nella piccola città d’arte sulla Via Emilia.

Nel forlivese per la ricerca di strenne suggeriamo il Mercatino dei creativi di Cesenatico tutte le domeniche fino al 7 gennaio e i Mercatini di Natale di Cesena (10/17/24 dicembre) e Bagno di Romagna (1 dic/7 gen). Per regali gustosi da visitare il Mercatino con prodotti artigianali, tipici, cioccolato e delizie di Natale a Sogliano al Rubicone (20-30 dic).

A Rimini i Mercatini di Natale vi aspettano nel centro storico della città malatestiana (2 dic/6 gen), mentre l’entroterra vi aspetta con originali idee regalo, decori e musiche tradizionali natalizie, a Sant’Agata Feltria con Il paese del Natale (3-8-10-17 dicembre) e a San Giovanni in Marignano per l’Antica fiera di Santa Lucia e mercatini di Natale (10/13/17 dicembre).

[cta url=”http://www.emiliaromagnaturismo.it/it/eventi/mercatini-di-natale-2017″ txt=”Scopri tutti i mercatini di Natale #InEmiliaRomagna”]

Vivi l’atmosfera del Natale #InEmiliaRomagna.

 

*in collaborazione con le Destinazioni Turistiche Emilia, Bologna e Romagna.

Categorie
La Riviera

Parchi divertimento in Emilia Romagna: aperti per le feste

Molti aspettano le feste natalizie tutto l’anno, altri non vedono l’ora che finiscano il primo possibile.
Che voi siate tra gli amanti delle tradizioni e dei classici pranzi in famiglia o tra gli alternativi in cerca di cose da fare per evitarli sappiate che queste feste saranno divertenti #InEmiliaRomagna.

Attrazione adrenaliche (anche per i più piccoli) e parchi faunistici vi aspettano.

Ecco i parchi divertimento #InEmiliaRomagna aperti per le feste, dove festeggiare – divertendosi – da oggi fino al 6 gennaio!

 

MIRABILANDIA – Savio (RA)

Vivi tutto l’incanto dello spirito del Natale!

Luminarie e scenografie uniche per il parco addobbato a festa e pronto ad accoglierti tra luccicanti e colorate decorazioni. Oltre a provare le sue attrazioni più famose, dal Katun allo iSpeed, si potrà assistere a tanti show natalizi a tema ed entrare ne La Terra delle nevi eterne, una fiaba da vivere ad occhi aperti per i più piccoli, pista di ghiaccio compresa! Senza perdere l’occasione di provare la Escape Room tematizzata: potrai immergiti nel mondo di Remi e supera le prove di abilità per accompagnarlo nel suo viaggio…
Da non perdere inoltre la visita alla Casa di Babbo Natale, tra elfi, letterine e pile di doni.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio

Possibilità di biglietti combinati Parco + Hotel

FIABILANDIA – Rimini (RN) 

La magia del Natale, per grandi e piccini. 

Fiabilandia è di per sé un luogo magico dove il mondo delle favole e quello reale si incontrano, figuriamoci nel periodo più magico dell’anno. BorgoMagico, CastoriaCapitan Nemo Adventure, il magico Castello di Mago Merlino e la Valle degli Gnomi  sono pronti ad essere “invasi” dai più piccoli. Tutta da esplorare l’Europa in Miniatura, il percorso pedonale da cui osservare i principali monumenti europei, mentre non si possono perdere gli spettacoli Movie ShowLa Piccola Sirena e Il Bambino di Legno che emozioneranno anche i più grandi. Apertura fino a tarda notte il 31 dicembre per uno “scintillante” Capodanno.

Aperto: dal 29 dicembre al 1 gennaio

Biglietti speciale apertura invernale

 

rimini-fiabilandia-natale-2018

ITALIA IN MINIATURA – Rimini (RN) 

Il Belpaese del Natale

Nel parco miniature più longevo e famoso d’Italia si accendono le piazze italiane, addobbate di luce e 5000 alberi di Natale “mignon” che illuminano i pomeriggi delle feste.
Avventurarsi tra le miniature che riproducono monumenti, chiese e palazzi, sarà ancora più suggestivo tra luci e musiche natalizie in un gioco di prospettive e tematizzazioni a sorpresa con pacchi, biglietti d’auguri e cartoline speciali. Si potrà scegliere se salire bordo della Monorotaia Arcobaleno o navigare in una Venezia in scala 1:5, attraversare in trenino la fiaba di Pinocchio sfogliando i capitoli in 3D del libro, sperimentare le leggi della fisica al Luna Park della Scienza, dominare il mondo dalla Torre Panoramica o tuffarsi fra le palline colorate di PlayMart per i più piccoli o fra gli effetti speciali dell’adrenalinico CineMagia7D.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 7 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Acquario di Cattolica, Aquafan e Oltremare

rimini, italia-in-miniatura-natale-2018

OLTREMARE – Riccione (RN)

La laguna di Babbo Natale

Anche ad Oltremare c’è aria di festa sotto l’albero di Natale alto 5 metri in attesa del Christmas Show. In programma all’Oltremare Theatre un ricco calendario di film d’animazione senza tralasciare approfondimenti con gli esperti, visite guidate a Darwin, Pianeta Mare e Laguna dei delfini che come d’incanto si trasformerà nel Paese del Natale. Da non perdere gli appuntamenti con Delfini – lo Spettacolo della Natura, il Volo dei Rapaci, l’Area Australia Experience e la Fattoria. Previsti anche laboratori creativi per i bimbi nella bottega di Babbo Natale. Se siete ancora alla ricerca del regalo giusto date un’occhiata ai programmi interattivi: “Addestratore per un giorno”, “Incontra il delfino”, “Falconiere per un giorno” “Incontra i rapaci” e “Incontra il tuo cane”.

Aperto: 8-9 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Acquario di Cattolica, Aquafan e Italia in miniatura

Riccione_OLTREMARE_Natale-2018

ACQUARIO DI CATTOLICA – Cattolica (RN) 

La magia dei presepi sommersi

Nel più grande Acquario dell’Adriatico arrivano dei nuovi ospiti nelle 100 vasche dove già nuotano pesci multicolori pesci multicolori, attinie e stelle marine: si tratta dei personaggi del Presepe.
Tanti Presepi sott’acqua pronti per essere ammirati: un’affascinante galleria d’arte di originali Natività in terracotta, vetro soffiato e ceramica, materiali atossici e sostenibili, che ogni anno si arricchisce di contributi da parte di artisti e scultori da tutta Italia. Dopo aver visitato i 4 percorsi poi laboratori creativi per i più piccoli nella bottega di Babbo Natale tante le novità per queste feste: potrai partecipare agli “Incontri straordinari” dietro le quinte fra i segreti del rettilario o fare due chiacchiere con un sub in immersione.

Aperto: 8-9-16-23 dicembre e dal 26 dicembre al 6 gennaio*

Possibilità di biglietti combinati con Aquafan, Italia in miniatura e Oltremare

Cattolica, rimini, acquario di cattolica_presepi

 

Possibilità di offerta combinata 3 Parchi (Acquario di Cattolica, Italia in miniatura e Oltremare) + hotel

 

Parchi divertimento #InEmiliaRomagna, che la festa abbia inizio!

*ingresso gratuito per tutti i bimbi (accompagnati da due adulti paganti tariffa intera alle casse) alti fino a 140 cm che portano una pallina di Natale.

[cta url=”http://www.rivieradeiparchi.it/” txt=”Tutte le informazioni sui Parchi divertimento #InEmiliaRomagna”]

Categorie
A spasso per l’Emilia-Romagna

Mercatini di Natale: Vintage & Handmade in Emilia Romagna

Abiti vintage e capi firmati, bijoux e oggetti preziosi, ma anche mobili di qualche anno fa e oggetti d’artigianato che non avreste mai pensato di trovare sul banco di un mercatino. Il tutto a prezzi accessibili!

Natale è alle porte e con lui sta per scoccare l’ora X per iniziare a stilare la propria lista delle persone a cui rivolgere un pensiero. Ogni anno è un dramma che non lascia indenne nessuno di noi: bisogna scervellarsi per trovare il regalo giusto, non troppo costoso, in grado di donare un pizzico di felicità ai nostri interlocutori. Senza poi contare il rischio di finire risucchiati nel traffico del sabato pomeriggio, magari travolti dalla folla di un centro commerciale, oppure trascorre notti insonni attaccati allo schermo di un pc a navigare su un’e-commerce.

Per fortuna che negli ultimi anni la moda del vintage e dell’handmade ha preso sempre più piede in Italia, dando vita a nuove realtà che se prima non esistevano, ora rappresentano ottime occasioni per incontrarsi, conoscersi, scambiarsi idee o semplicemente darsi la mano.

Per questo anche quest’anno ho preparato per voi una lista dei migliori mercatini natalizi vintage & handmade in Emilia Romagna, dove trascorrere piacevolmente le vostre giornate di shopping e trovare degli esclusivi e insoliti doni di Natale.

Garage Sale Xmas Edition

Dove: Ravenna | Artificerie Almagià, via dell’Almagià 2
Quando: venerdì 8 dicembre dalle 10.30 alle 19.30
Ingresso: libero

Spostandoci a Ravenna lungo la Darsena, raggiungiamo l’Almagià. All’interno di questo spazio polivalente, un tempo magazzino per la raccolta dello zolfo, torna il consueto appuntamento con il Garage Sale, con una versione del tutto speciale in previsione del Natale.
Un temporary shop a misura d’uomo, perfetto se siete alla ricerca di oggetti vintage e seconda mano ma anche solo se desiderate trascorrere una piacevole giornata in compagnia di amici tra ottimi ascolti musicali, cibo di qualità e installazioni artistiche. Non manca anche in questo caso l’attenzione ai più piccoli con uno spettacolo di burattini a quattro mani a cura di Muka Loca e uno Swedish Lab condotto da Pernilla M K Vall e dalla SveRa – Swedish Cultural Association.


Matrioska

Dove: Rimini | Castello Sismondo – Piazza Malatesta
Quando: venerdì 7 dalle 16.00 alle 21.00, sabato 8 e domenica 9 dicembre dalle 10.00 alle 21.00
Ingresso: 4€ un giorno; 6€ tre giorni


Quest’anno Matrioska fa le cose in grande e per la sua 14° edizione, quella natalizia, si sposta a Palazzo del Podestà e Sala dell’Arengo nel cuore di Rimini. In questa splendida cornice più di 80 espositori, tra artisti e artigiani della manualità, avranno modo di presentarvi le loro idee e i loro ultimi prodotti. A rendere tutto maggiormente suggestivo una serie di eventi collaterali arricchiti da musica, performance, mostre, laboratori, aperitivi e tanto divertimento.


A/mano Market

Dove: Piacenza | Portici di Piazza Cavalli (sabato 1 dicembre) e Auditorium Sant’Ilario – Corso Garibaldi 17 (sabato 22 e domenica 23 dicembre)
Quando: sabato 1 dicembre, sabato 22 e domenica 23 dicembre dalle 11.00 alle 19.00
Ingresso: libero

Dal 2011 A/Mano Market è il festival dell’handmade e della creatività di Piacenza. Dalla sartoria all’oggettistica, passando per i gioielli ai complementi d’arredo, questo mercato rappresenta un’ottima occasione per trovare oggetti esclusivi, soprattutto in vista del Natale nonché un punto di incontro per giovani designers e artigiani del territorio (e non). Uno spazio sociale molto dinamico arricchito da performance musicali e piacevoli stand gastronomici.


 The Craft Factory

Dove: Bologna | Scuderia Future Food Urban CooLab, Piazza Verdi 2
Quando: venerdì 7 dicembre dalle 17.30 alle 21.00, sabato 8 e domenica 9 dicembre dalle 11.00 alle 19.00
Ingresso: libero

Al grido di “Fatto a mano è meglio!” torna nella cuore del campus universitario più antico del mondo, il craft market di Bologna in versione natalizia: ottimi prodotti handmade che spaziano dai bijoux agli elementi di arredo, dall’abbigliamento al mondo dei bimbi. Anche in questo caso cibo e musica di qualità assicurati, per un’edizione davvero da favola!


Dyna Market di Natale

Dove: Bologna | Green, Via Petroni, 32/c
Quando: domenica 2, 9 e 16 dicembre dalle 15.00 alle 21.00
Ingresso: libero

Dyna Market di Natale 2017

In sella a una bicicletta, rimaniamo a Bologna e raggiungiamo il Green di Via Petroni. In questo spazio sociale il Dyna Market di Natale si ripromette anche quest’anno di stupire i suoi visitatori con prodotti vintage e artigianali di altissimo livello, il tutto accompagnato da sfiziosi aperitivi e Dj Set.


Makers Mrkt

Dove: Cesena | Cesare, Via Cesare Battisti 46
Quando: da venerdì 30 novembre a lunedì 24 dicembre dalle 10.00 alle 19.30

Un negozio nel cuore di Cesena gestito da artisti e artigiani locali “a chilometro zero”, riuniti all’interno dell’Associazione Culturale “Makers”. Se siete alla ricerca di un regalo insolito per Natale che strizzi l’occhio al design e all’handmade, il mio consiglio è di fare un salto in questo temporary shop nel cuore di Cesena che si presenta come una vera e propria esperienza per tutti gli amanti del design autoprodotto.


Commonplaces

Dove: San Mauro Pascoli | Spazio Ex Mir Mar, Via Roma 27
Quando: sabato 1 dicembre dalle 15.00 alle 23.00, domenica 2 dicembre alle 10.00 alle 20.00
Ingresso: offerta libera

Un contenitore di creatività e ricerca. Questo, e molto altro, è Commonplaces, un’iniziativa che da alcuni anni viene promossa dell’Associazione Culturale il Cantiere Artistico nel cuore della Romagna. Quest’anno per l’edizione natalizia sarà nuovamente occupato l’ex calzaturificio Mir Mar.
In mostra collezioni handmade, prodotti di artigianato e design, arredo, abbigliamento e oggettistica, il tutto condito con spettacoli, buona musica e cibo a km 0. Se avete figli, poi, nessun problema! Come da tradizione sarà presente uno spazio riservato ai più piccoli per stimolare la loro creatività.

Categorie
Parlami di tER

[ParlamiditER #250/bis] Segui la Cometa fino al Lago di Monte Colombo

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che sono nate, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


La scorsa settimana abbiamo presentato il Lago di Monte Colombo, il Piccolo Paese fuori dal mondo, e le sue attività culturali e di intrattenimento durante le festività natalizie. Questa settimana proseguiamo il racconto, presentandovi le attività previste per la celebrazione dell’Epifania di questa domenica.

Il 6 gennaio alle ore 16.00, quando nel tempo d’inverno inizia già l’imbrunire, una brillante stella cometa ti porterà al Lago di Monte Colombo, sulle colline di Rimini, dove incontrerai i Re Magi che sul cammello raggiungeranno il presepe vivente in musical, mettendo in scena uno dei momenti più esaltanti della Natività all’interno del Paese del Natale.

Lago di Monte Colombo, Re Magi lungo lago
Lago di Monte Colombo, Re Magi lungo lago

Potrai così anche tu prendere parte alla rappresentazione, percorrendo il lungolago, seguendo i Magi, assistendo alle danze dei pastori, partecipando ai canti…A gran richiesta, poi, la rappresentazione straordinaria del musical Notte di Natale 1223.
E poi eventi, mercatini, curiosità da scoprire fino al 6 gennaio in tutto il Lago di Monte Colombo vestito a festa, e dalle 17.00 ogni giorno nel Teatro Leo Amici immagini, proiezioni e performance dal vivo con ingresso libero.

Lago di Monte Colombo, capanna della Natività
Lago di Monte Colombo, capanna della Natività

 

Categorie
Parlami di tER

[ParlamiditER #250] Lago di Monte Colombo, Piccolo Paese fuori dal mondo

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che sono nate, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Anche durante le festività natalizie è bello scoprire luoghi dell’Emilia Romagna capaci di unire arte e bellezza, ospitalità secondo la più viva tradizione romagnola, solidarietà, professionalità, turismo sostenibile e savoir vivre.

Lasciate alle spalle Rimini e l’animata Riviera, si sale verso l’entroterra: passata Coriano, che ha dato i natali al Sic, il compianto Marco Simoncelli, si raggiunge il Piccolo Paese fuori dal mondoLago di Monte Colombo, che si è trasformato nel Paese del Natale e che offre per le Feste eventi, mercatini, curiosità e un presepe vivente in musical.

Il musical “Notte di Natale 1223 va in scena al Teatro Leo Amici ogni domenica di Dicembre alle 16.30. Ogni giorno dalle 17.00 nello stesso teatro ci sono inoltre immagini, proiezioni e performance dal vivo con ingresso libero.
Il 6 gennaio alle ore 16.00, arriverà poi le rappresentazione con corteo dell’arrivo dei Re Magi, con canti e danze fino alla Capanna della Natività.

[slider]

Il Lago di Monte Colombo è un vero e proprio resort aperto al pubblico, con un bar-ristorante sul lago (dove si trova un veliero protagonista in passato di grandi film sulla pirateria), un hotel con centro benessere naturale, una piadineria nel bosco e ampi spazi verdi che permettono di fare passeggiate lungolago.
Offre anche mostre d’arte, visitabili gratuitamente, come attualmente “+Sè-Io=Pace”, una mostra nazionale itinerante sulla pace che ha toccato nel 2016 e 2017 le località di Pesaro, Milano, Trento, Assisi, Foggia, Teramo e Modena.

Sorto negli anni ’80, il Lago di Monte Colombo, fu scelto come sede di un’associazione di volontariato per attuare progetti solidali. Fondata da Leo Amici, l’associazione è cresciuta, e con lei il Piccolo Paese, un luogo unico dove il turismo diventa solidale, dove l’ospite fruisce di strutture qualificate il cui utile è tutto destinato ad interventi umanitari in Italia e all’estero.
La località offre anche occasioni di lavoro per tanti giovani: dalle strutture ricettive fino al locale Teatro, denominato da oltre 30 anni “tempio del musical”, che ospita produzioni di grande successo. Una vera e propria fucina di talenti artistici – ballerini, cantanti, attori – apprezzati poi in ambito televisivo e teatrale nazionale.

Categorie
Parlami di tER

[ParlamiditER #249] Winter Wonderland a Ferrara

Parlami di tER è una serie di racconti dall’Emilia-Romagna. Sono sguardi d’autore gettati sulla regione da persone che sono nate, vivono o semplicemente si sono innamorate di questa singolare, bellissima, terra con l’anima.
Se anche tu vuoi raccontare l’Emilia-Romagna che si vede dalla tua finestra sei benvenuto.
Basta una mail a inemiliaromagna@aptservizi.com o un commento qui sotto!


Riesci ad immaginare un intero Luna Park in inverno con giostre, giochi, spettacoli, sfilate dei personaggi più amati dai bambini e persino un circo, che sia però al chiuso e al coperto, in tutta sicurezza? Tutto questo è Winter Wonderland, il più grande parco divertimenti al coperto, a Ferrara.
In questo grande luogo di divertimento trovano spazio però anche attrazioni per i ragazzi più grandi, come i loro personaggi del web preferiti in carne e ossa – gli Youtuber e le webstar del momento – spettacoli e attrazioni speciali, oltre ad una intera giornata dedicata ai Lego, i mitici mattoncini colorati, con i quali dare spazio all’immaginazione.

Winter Wonderland è una manifestazione da record; è ormai alla sua sesta edizione ed è organizzata da Eventi Spettacoli snc di Diego Bisi e Luca Catter in collaborazione con Ferrara Fiere e con il patrocinio del Comune di Ferrara. Presenta, anche in questa nuova edizione, dei numeri da capogiro: 2000 metri quadrati di spazio per attrazioni e animazioni, oltre 60 espositori provenienti da tutta Italia, 30 attrazioni diverse, 10 eventi speciali distribuiti nell’arco di un mese, youtuber, gamer e personaggi del web e delle fiabe più famose, oltre a 20.000 presenze nella passata edizione 2017.

Winter Wonderland apre i battenti nel pomeriggio del 25 dicembre e termina nel weekend del 20 gennaio 2019, quasi un mese di tutto quello che si può immaginare per il divertimento di tutta la famiglia a cominciare dalla casa di Babbo Natale – che accoglie gli ospiti in entrata e immette nei vari padiglioni – con il truccabimbi, la baby dance, i musical con i personaggi delle fiabe, i burattini e il grande Circo senza animali, che attende i piccoli ospiti per due magici spettacoli al giorno. E poi le giostre, i giochi a premi, il tagadà e le postazioni per un viaggio nella “realtà aumentata”.

[slider]

A tutto ciò si aggiungono gli spettacoli e gli eventi speciali. Anche in questo caso, ce n’è per tutti i gusti: il 30 dicembre arriva il mitico trio Ame Dose Paciello, tre giovanissimi Youtuber che, grazie ad una videocamera e ad un computer, hanno dato vita ad un’avventura di successo. La serata del 31 dicembre è tutta dedicata alle atmosfere di Capodanno, con la cena per 150 persone, l’animazione a tema magia e la band musicale Itoons.

Il 3 gennaio gli spazi della festa accolgono lo spettacolo delle bravissime ginnaste dell’ass. Ginnastica Estense Putinati. Sabato 5 gennaio vanno in scena l’arte del prestigio e dell’illusionismo espressi ai massimi livelli con le performance di Antonio Casanova, Jack Nobile, Andrea Fratellini, Mattia Boschi, Andrea Vesnaver, Roberto Ferrari e altri. Il 6 gennaio arriva la Befana con i doni per i più piccoli, ma arrivano anche Matt&Bise, esilaranti Youtuber famosi tra i giovanissimi, con milioni di visualizzazioni sul web.

Nel fine settimana del 12 e 13 gennaio i padiglioni di Winter Wonderland accolgono ospiti speciali, La Sabri e Klaus, due Youtuber famosi tra gli adolescenti, oltre alla grande esposizione dei mitici mattonicini Lego, nell’evento Winter Bricks. mattoncini a Ferrara, 2.500 metri quadrati di esposizione, con laboratori creativi e area gioco.
L’ultimo weekend di gennaio infine vede una coloratissima anteprima del Carnevale – il Winter Carnival – e altri due ospiti dal mondo di YouTube, i Pantellas.

A Winter Wonderland è possibile anche mangiare, dato che nel grande spazio espositivo sono presenti una pizzeria, una piadineria, una hamburgeria e il bar.

Vale comunque la pena di visitare il sito winterwonderlanditalia.com per rimanere aggiornati sulle iniziative e le attività in programma di giorno in giorno. Oltre a orari, tariffe e informazioni, nel sito è possibile acquistare il braccialetto giornaliero ad un prezzo promozionale e gli eventi speciali sulla piattaforma Vivatickets.